Cronaca

Trapianti di organi, l’anno scorso undici donatori

La coordinatrice: «Sarebbe importante che tutti gli ospedali giocassero un ruolo attivo»
Il cuore ha continuato a battere, gli occhi a vedere, i reni e il fegato a funzionare. Undici comaschi, lo scorso anno, hanno continuato a vivere, non solo nella memoria dei loro cari ma anche in tante persone salvate dal più estremo dei gesti di generosità: donare gli organi. Nel 2014 i donatori al Sant’Anna sono stati finora cinque.
Oggi, in tutta Europa si celebra la Giornata per la donazione di organi, un’iniziativa voluta per sensibilizzare i cittadini «sull’importanza di esprimersi a favore della donazione». Il messaggio che risuonerà per l’occasione è “Prima che sia tardi dichiara il tuo amore”, un invito a esprimere la propria volontà e l’assenso all’espianto.
«Nel 2013 abbiamo avuto 11 donatori e 3 opposizioni – dice Mariangela Ferradini, coordinatrice provinciale del servizio trapianti – Per quest’anno siamo a cinque. La percentuale dei casi di familiari che rifiutano l’espianto degli organi a Como è attorno al 30%, un dato in linea con la media nazionale. Le campagne di sensibilizzazione sono fondamentali per far crescere la cultura della donazione».
Chiunque desideri esprimersi in favore della donazione degli organi e dei tessuti può farlo compilando la dichiarazione di volontà, disponibile sul sito www.asl.como.it. Il modulo può essere consegnato in uno qualsiasi dei distretti dell’Asl. La campagna per la Giornata europea comprende anche l’inevitabile hastag, #primachesiatardi, pensato per favorire il coinvolgimento online e tramite i social network.
L’obiettivo prioritario a Como è il coinvolgimento del maggior numero possibile di ospedali. «Almeno per quanto riguarda la donazione di cornee e tessuti sarebbe importante che tutti gli ospedali del territorio lariano giocassero un ruolo attivo – sottolinea Mariangela Ferradini – Attualmente invece, solo nei presidi dell’azienda ospedaliera Sant’Anna è possibile la donazione. È un fronte su cui dobbiamo lavorare».
In passato, i prelievi erano effettuati anche al Valduce e al Moriggia Pelascini di Gravedona, ma l’attività è stata poi interrotta.
«Abbiamo deciso di fare da capofila per dare vita a un tavolo di coordinamento interaziendale – dice Carlo Alberto Tersalvi, direttore sanitario dell’Asl – L’obiettivo è quello di arrivare a una maggiore collaborazione, in modo da allargare il numero di strutture ospedaliere nelle quali sia possibile almeno la donazione di cornee e tessuti. È un passaggio fondamentale per far crescere il numero di donatori».
Per maggiori informazioni sulla Giornata Europea per la donazione degli organi è possibile consultare il sito www.eodd2014.it.

A.Cam.

Nella foto:
Attualmente solo nei presidi dell’azienda ospedaliera Sant’Anna è possibile la donazione degli organi
11 Ott 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto