“Traviata” sotto le stelle, Violetta è una influencer

Sarah Tisba, Violetta in "Traviata"

Il muro tra spettacolo e pubblico viene abbattuto grazie a un’opera immortale.  La Traviata di Giuseppe Verdi all’Arena del Teatro Sociale apre con tre recite (27 e 29 giugno e 2 luglio, ore 21.30) la nuova stagione – la dodicesima – all’aperto dello storico palcoscenico di piazza Verdi, nell’arena di via Bellini. Il progetto del coro dei “200.com” (quasi 300 cittadini coinvolti nello spettacolo con prove durante tutto l’anno) affronta uno dei titoli più amati e rappresentati del panorama lirico italiano. E quest’anno c’è una novità per coinvolgere ancora di più il pubblico sotto le stelle: nel primo atto parteciperà alla festa in casa di Violetta e al celebre brindisi di chiusura. Tratta da La Dame aux camélias, romanzo e pièce in 5 atti di Alexander Dumas figlio, l’opera inaugura così il Festival Como Città della Musica in una formula, come sempre, immersiva e interattiva.
La regia è affidata ad Andrea Bernard, che vede in Violetta la contemporaneità di una nota social influencer, abituata a vivere tra le passerelle d’alta moda. Violetta è interpretata da Sarah Tisba.
Il coro “partecipato” ha un ruolo forte in Traviata: rappresenta, per volere stesso di Verdi, lo sguardo bigotto e moralista della società. «Una società sempre pronta a giudicare e a vedere la vita in modo egoista e superficiale» afferma il regista Andrea Bernard. Il team creativo comprende le scene di Alberto Beltrame, le luci di Alessandro Carletti, i costumi di Elena Beccaro, la regia video di Pierpaolo Moro, i movimenti coreografici di Marta Negrini, che è anche assistente alla regia, così come assistente alla regia è Tecla Gucci. E tra le tante sorprese non mancherà una ballerina di burlesque, Sophie Champagne.
Il cartellone
Il festival estivo prevede tanti appuntamenti, racchiusi in due settimane da giovedì prossimo fino a luglio, dall’alba al tramonto, nei luoghi più suggestivi del Lago di Como a partire dall’Arena. Si alternano in questa edizione originalità e tradizione, così come ci appagherà ascoltare le famose Suites di Bach per violoncello solo, sarà originale sentir suonare due violini in un repertorio insolito, nell’attesa e consueta alba a Villa del Grumello. Si passerà dalle canzoni di Domenico Modugno alle partiture di Ennio Morricone, passando per la danza acrobatica dei Sonics e per il rock dei Negrita. In tutto sono 22 gli eventi in programma di cui sei titoli in Arena e 13 appuntamenti “Intorno al festival”. Info su teatrosocialecomo.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.