Tre assalti nel giro di appena un’ora. Farmacista mette in fuga il rapinatore

alt Indagano i carabinieri di Como. Malviventi in azione tra il capoluogo e la Brianza
A segno i colpi a Erba e in via Zezio, sventato quello in via Dante

Tre rapine nel giro di una sola ora tra Como ed Erba. È questo l’esito della giornata di ieri in cui sono stati presi di mira due farmacie e un punto Snai. Il primo assalto alle 15, in via Fiume a Erba. Due uomini con il volto coperto da un casco sono arrivati con uno scooter e sono entrati nell’agenzia di scommesse. All’interno del locale c’erano cinque clienti, ma nessuno si sarebbe accorto di quanto stava avvenendo vista la rapidità dell’azione.
L’impiegato è stato invece avvicinato

dai malviventi che impugnavano una pistola.
Brandendo l’arma, uno dei due avrebbe minacciato il dipendente pretendendo l’incasso poi quantificato in circa 4mila euro. La rapina sarebbe durata poco più di un minuto. Ottenuto il bottino i due sarebbero poi fuggiti all’esterno del punto Snai, per poi risalire a bordo dello scooter parcheggiato e scappare.
Alle 16.10, poi, ad essere presa di mira è stata – per la seconda volta in poco più di un mese – la farmacia del dottor Antonio Bonduri, tra via Dante e via Tommaso Grossi.
In questo caso, un rapinatore solitario armato di coltello ha avvicinato il titolare per minacciarlo ma è stato messo in fuga dalla reazione dell’uomo che gli ha pure scagliato contro degli oggetti. Il malvivente, che nel corso dell’assalto indossava un casco, si è allontanato a tutta velocità e a mani vuote.
Ma cinque minuti dopo lo stesso rapinatore ci ha riprovato, questa volta alla farmacia “San Martino” di via Zezio. Identica la modalità: l’uomo, con il volto nascosto dal casco, è entrato nell’esercizio commerciale, ha minacciato i presenti con un coltello e si è fatto consegnare l’incasso che è poi stato quantificato in circa 800 euro. L’uomo è fuggito facendo perdere le proprie tracce. Sui tre assalti stanno indagando i carabinieri della compagnia di Como. È certo che nel capoluogo abbia agito lo stesso rapinatore che dopo aver fallito il primo assalto si è rivolto alla seconda farmacia. Difficile invece ipotizzare – per le modalità di azione – che possano essere accomunati i due assalti del centro città con quello di Erba andato in scena un’ora prima.

M. Pv.

Nella foto:
I carabinieri della compagnia di Como sul luogo della terza rapina avvenuta in ordine di tempo (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.