Tre giornate per “battere” le emergenze

Sanità e prevenzione

(f.bar.) Come agire in caso di arresto cardiaco? Come intervenire per disostruire le vie aeree dei bambini? L’Azienda ospedaliera Sant’Anna ha organizzato 3 giornate durante le quali sarà possibile imparare il massaggio cardiaco esterno in caso di arresto cardiaco nell’adulto e le manovre per evitare il soffocamento dei bimbi.
Il 17 ottobre, a San Fermo, saranno presenti alcuni esperti che eseguiranno simulazioni su manichini. Le altre due giornate si terranno il 18 ottobre al Bennet di

Cantù e il giorno successivo al Bennet di Erba. Nel corso degli appuntamenti verranno proiettati alcuni video e interverranno due testimonial d’eccezione: gli ex calciatori Beppe Bergomi e Roberto Galia. L’iniziativa è stata presentata ieri in una conferenza stampa.
«Queste giornate – ha detto Alfredo Caminiti, primario di pediatria – rappresentano un’opportunità per la tutela della salute dei bambini. Secondo i dati Istat, nei bimbi fino a 4 anni il 27% delle morti “accidentali” avviene per soffocamento causato da inalazione di cibo o di un corpo estraneo. Nelle fasce d’età 5-9 anni e 10-14 anni, la percentuale scende, rispettivamente, all’11,5% e al 4,7%, ma rimane significativa».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.