Tremila litri di gasolio nelle fogne di Mariano Comense, si valuta una denuncia

Mariano Comense

Nuovi controlli dell’Arpa nei prossimi giorni a Mariano Comense.
Dopo lo sversamento di 3mila litri di gasolio nella fognatura, compiuto da ignoti la notte di Ferragosto, la situazione è tornata regolare. Anche se l’allarme era rientrato già poche ore dopo il fatto e i primi esami eseguiti dopo pochi giorni avevano dato esito positivo, un’ulteriore verifica verrà però eseguita nei prossimi giorni.
Intanto già oggi Como Acqua, ente che regola e gestisce le acque e il sistema fognario in gran parte della provincia, invierà ai soggetti interessati una nota in cui verranno riportati gli esiti favorevoli dei primi controlli e l’annuncio di ulteriori verifiche.
E sempre nei prossimi giorni spetterà all’Arpa d’intesa sempre con Como Acqua decidere se sporgere regolare denuncia contro ignoti ai Carabinieri.
Ma ecco cosa è accaduto in base al racconto del sindaco di Mariano Comense Giovanni Alberti. «Quella sera in tutto il paese si è cominciata a sentire una fortissima puzza di gasolio. Dopo i primi attimi di timore che potesse capitare qualcosa sono subito stati allertati i vigili del fuoco e i carabinieri di Mariano – ricostruisce il sindaco – E dopo poco i pompieri hanno confermato che circa 3mila litri di gasolio erano stati rovesciati nella fognatura. Fortunatamente il depuratore è riuscito a smaltire la sostanza come confermato anche dai primi controlli». Immediata è scattata una segnalazione alla Procura da parte dei Carabinieri.
«In effetti il gesto in base a quanto si è potuto capire con l’aiuto dei pompieri sembra essere voluto. La parte più complessa sarà ora quella di capire come poter risalire all’autore di un gesto che poteva portare a un vero disastro ambientale. Ora attendiamo nelle prossime ore di capire se verrà sporta denuncia per consentire ai carabinieri di indagare più a fondo su questo evento», spiega sempre il sindaco di Mariano Comense.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.