Tribunali bloccati: solo a Como slitteranno 200 processi

altLo sciopero dei viceprocuratori e dei giudici onorari paralizza l’attività
Una quarantina i processi slittati solo ieri tra giudice di pace e monocratico. Un dato che proiettato sui cinque giorni di udienze a settimana fa salire a 200 i fascicoli che rimarranno chiusi.
Sono questi i numeri comaschi del maxi-sciopero che sta interessando tutta la Penisola, portato avanti dai vice procuratori onorari e dai giudici onorari. Figure introdotte nel 1998 (pagate a cottimo e non di carriera) per aiutare a portare avanti i processi senza ingolfamenti, rappresentando la pubblica

accusa e i giudici nei fascicoli destinati ai giudici di pace e ai monocratici. Ora però questi anelli fondamentali della catena della giustizia in Italia hanno detto basta incrociando le braccia. La loro rabbia è rivolta al governo che non avrebbe mantenuto gli impegni presi.
I motivi sono molti, primo tra tutti il mancato riconoscimento della previdenza e dei contributi.
In pratica, queste figure sono equiparate a consulenti che devono emettere fattura, con il piccolo particolare che tuttavia (ed è questa un’altra lamentela) è dal mese di maggio che non vedono un solo centesimo dei 98 euro lordi (72 netti) che dovrebbero percepire a udienza. Così per tutta questa settimana i 7 “vpo” e i 10 “got” del tribunale di Como si presenteranno regolarmente in aula per poi dichiarare la loro adesione allo sciopero e far slittare tutto.

M.Pv.

Nella foto:
Giornate difficili per le udienze programmate in Tribunale a Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.