Cronaca

Trinchieri archivia Venezia: «Ci servirà come lezione»

altBasket maschile – Domenica la Chebolletta attende a Cucciago Roma, anteprima del confronto di Coppa Italia
L’allenatore suona la carica: «Una partita che non ammette troppi fronzoli»
«Massimo rispetto per Roma, ma vogliamo tornare a vincere». Andrea Trinchieri ha già ben chiaro il piano partita in vista dell’imminente sfida in programma domenica sera all’Ngc Arena (ore 20) contro la pariclassifica capitolina. Ma al tempo stesso non dimentica lo scivolone dell’ultimo turno rimediato in laguna contro

Venezia.
«Ho rivisto più volte l’ultima gara persa con la Reyer – sottolinea il tecnico brianzolo – Devo dire che per 35’ abbiamo giocato una signora partita. Dobbiamo imparare a riconoscere i momenti di una partita. A Milano ci siamo riusciti bene; a Venezia non totalmente. Ma sotto questo profilo si migliora con il tempo, con l’esperienza e analizzando gli errori. Perché il passato insegna il futuro».
E il futuro prossimo della Chebolletta si chiama appunto Acea Roma, avversario domenica in campionato e il 7 febbraio nei quarti di Coppa Italia sul neutro di Assago. «Abbiamo grande rispetto per Roma – ammette l’allenatore – perché è una squadra umile con gerarchie ben chiare, che gioca una pallacanestro essenziale. Oltretutto arriva da quattro vittorie consecutive. Uno dei suoi segreti è avere un gruppo omogeneo in cui si possono esaltare anche i singoli come Gigi Datome che sta vivendo una stagione pazzesca».
Osso duro, quindi, per Cantù che però all’andata sbancò il parquet capitolino. «È vero, siamo già stati bravi e fortunati a superare Roma, ci teniamo ben stretta quella vittoria e domenica proveremo a riprodurla anche in casa nostra, pur sapendo che non sarà facile».
Un match che si annuncia aperto e avvincente. «Una partita che non ammette tanti fronzoli – taglia corto Trinchieri – perché noi vogliamo tornare alla vittoria anche se di fronte avremo una formazione ostica».
Punta di diamante dell’Acea, quel Gigi Datome che sta veleggiando in tutte le classifiche di rendimento. «Gigi – analizza Trinchieri – è fortissimo è ho grande rispetto per lui come persona e come giocatore. Detto questo, però, per me i migliori italiani del campionato sono i nostri Pietro Aradori, Marco Cusin e Awudu Abass».
Il discorso si sposta poi su capitan Nicolas Mazzarino, piuttosto sacrificato in questa stagione. «Con il capitano, che è unico per dedizione, sacrificio e volontà, parlo spesso – afferma l’allenatore – In questo momento è solo una questione di riequilibrare il suo ruolo e stiamo lavorando per riuscirci. Per lui non è facile avendo davanti Markoishvili, Aradori e Brooks, che stanno giocando ad alti livelli. Ma per la squadra gli equilibri sono fondamentali e, ripeto, stiamo lavorando per migliorarli di più».
Tornando alla sfida con Roma, quella di domenica può essere considerata una prova generale per la sfida di Coppa Italia? «Diciamo che sono due partite ravvicinate contro il medesimo avversario ma sono molto diverse perchè si sa i quarti di Coppa sono storicamente la gara più difficile da decifrare. Pensiamo solo a domenica».

Andrea Piccinelli

Nella foto:
L’esultanza della squadra brianzola al termine della partita di andata vinta a Roma. Cantù è reduce dallo stop di Venezia, l’Acea, invece, da quattro affermazioni consecutive (foto Ciamillo-Castoria)
25 gennaio 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto