Trise, cambia il nome ma non la sostanza

La nuova tassa

Ora ci mancava solo il Trise: (tributo ignobile senza esenzioni). Sembra che il governo italiano pur di proseguire  a prendere in giro i cittadini italiani e quelli che vivono oltreconfine, continui a cambiare il nome della tassa sulla casa, per non far comprendere questa ignobile e discriminatoria tassa sugli immobili. L’unico cambiamento, con l’approvazione della legge di stabilità,  è stato il nome che da Imu è stato cambiato in Trise: ingiusta era l’Imu e doppiamente  iniquo è il Trise, il nuovo tributo  per chi possiede un’abitazione, che personalmente piace definire: tributo ignobile senza esenzioni.
Per i cittadini italiani, come me, residenti  all’estero, c’è un ulteriore beffa, nel senso che se posseggono un’abitazione essa  viene  considerata   seconda casa. E ora, grazie a questi  parlamentari  di “larghe vedute”,  molti di noi saremo  addirittura costretti a rinunciare a scendere ogni anno in Italia per pagare questa onerosa tassa.
Altri, invece, sono così arrabbiati che pur di non pagarla  vorrebbero, il più presto possibile, vendere l’immobile in quanto già  ne usufruiscono per poche settimane l’anno e se poi ci sono tutti questi tributi  da pagare, allora pensano che l’unica soluzione sia vendere.
Fa proprio male, dopo aver costruito con tanti sacrifici una casa,  doverla vendere. È una vergogna che il governo assieme a  tutti gli organi di rappresentanza politica della comunità italiana  a partire dal Comites, al Cgie per terminare con i 18 parlamentari della Circoscrizione estero, non siano stati in grado di  far considerare l’abitazione  degli italiani che vivono oltreconfine come   prima casa e non, purtroppo, come seconda abitazione.
Per i suddetti motivi, sarei del parere di  togliere il voto per corrispondenza all’estero, poiché  è inutile e controproducente se poi vengono eletti dei personaggi non all’altezza del ruolo che dovrebbero poi svolgere nel Parlamento italiano. Allora meglio soli che male accompagnati!
Gerardo Petta – Zurigo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.