Troppi assembramenti a Como, appello dell’assessore

Polizia locale

Piazza Volta, Monumento ai Caduti, centro storico. Sono state molte, nelle ultime ore, le telefonate di protesta giunte al Comune di Como di persone “assembrate” davanti a bar o locali della movida prive delle necessarie protezioni – le mascherine, in particolare – troppo vicine tra loro. «Rischiamo di vanificare tutti i sacrifici fatti finora – ha commentato ai microfoni di Etv l’assessore alla Sicurezza del capoluogo, Elena Negretti – Non è così che aiutiamo a ripartire le attività rimaste chiuse per due mesi. Abbiamo già dimenticato gli insegnamenti di queste settimane? Serve buonsenso da parte di ciascuno. Lunedì sera mi hanno segnalato anche la presenza di una decina di ragazzi riuniti al Monumento ai Caduti senza mascherine e senza il rispetto delle distanze. È intervenuta la polizia locale e sono stati tutti identificati. Ogni giorno giungono segnalazioni di comportamenti scorretti, ad esempio persone che camminano per strada parlando al telefono con la mascherina abbassata. È da evitare. Dobbiamo essere coraggiosi e rimetterci in gioco – ha aggiunto l’assessore – ma con responsabilità, per non rischiare di dover tornare indietro e dover richiudere tutto».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.