Troppi decessi, container frigorifero danese al cimitero di Como

Cimitero Monumentale di Como

Troppi morti a causa del Covid, così, anche Como, che nella prima ondata della pandemia era riuscita in qualche modo a evitare immagini drammatiche, come quella del camion dell’Esercito che ha dovuto portare via le bare dal cimitero di Bergamo, ora avrà un simbolo del dramma. Un container frigorifero lungo circa 12 metri conserverà le salme in attesa della cremazione. Il container dovrebbe arrivare già nei prossimi giorni, proveniente dal porto di Livorno. Si tratta di una donazione di una società danese, come si evince dalla delibera della giunta Landriscina approvata all’unanimità nell’ultima seduta prima di Natale.

«La persistenza e la riacutizzazione dell’attuale emergenza epidemiologica da COVID-19 ha fatto registrare, nel corso degli ultimi mesi, il progressivo aumento dei decessi e, conseguentemente, delle richieste di cremazione presso l’impianto del Cimitero Monumentale» si legge nelle premesse della delibera di giunta.

«L’incremento delle dette richieste ha provocato una repentina dilatazione dei tempi di attesa per la cremazione, improvvisamente aumentati a circa due settimane, non essendo l’attuale impianto in grado di soddisfare appieno il rapido aumento delle richieste» si legge sempre nella delibera.

Viene poi spiegato che grazie ai contatti della Protezione Civile comunale, una società danese la Maersk si è detta disponibile a donare un “maxi-frigorifero”, un container da 40 piedi del valore di circa 10mila euro.
La donazione, secondo la giunta, rappresenta «una valida soluzione per fare fronte nell’immediato alla situazione contingente, consentendo di accogliere temporaneamente le salme dei defunti all’interno del container, in attesa che vengano evase le richieste di cremazione» viene scritto sempre nella delibera affissa ora all’Albo.

Il Comune si deve occupare ora del trasporto del container da Livorno. Per quanto riguarda la sua collocazione, la scelta è ricaduta sul cimitero di Camerlata a causa delle difficoltà logistiche che avrebbe rappresentato il collocamento del container nei pressi del forno. Ricordiamo infatti che la struttura per le cremazioni riaperta da pochi mesi dopo un lunghissimo periodo di stop, si trova all’interno del Cimitero Munumentale, nella parte sopraelevata.

Sempre Palazzo Cernezzi si occuperà ovviamente della gestione del trasporto della salme dal container al forno per la cremazione. Ieri i tecnici del Comune hanno effettuato un sopralluogo a Camerlata per verificare l’area e gli allacciamenti necessari. Attualmente il forno effettua 9 cremazioni al giorno. A dicembre, il sindaco Landriscina aveva predisposto un’ordinanza urgente per definire una priorità per i defunti che in vita risiedevano in città.
Mediamente, infatti, il 70% circa delle cremazioni dell’impianto di Como è riferito a defunti non residenti nel capoluogo e in buona parte provenienti dal territorio provinciale.
L’aumento delle richieste delle ultime settimane dello scorso anno ha portato ad allungare i tempi di attesa, fino a due settimane ed era stato definito «di poter garantire in via prioritaria fino a tre cremazioni al giorno a chi risiedeva in vita a Como». L’ordinanza resta in vigore fino al prossimo 28 febbraio.
Ora arriverà anche il container frigorifero per le salme al cimitero di Camerlata.

Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    rosa , 13 Gennaio 2021 @ 22:53

    Tenendo presente che ai primi di febbraio del corrente anno , stante agli ATTI pubblicati nell’albo pretorio del Comune di Como . scadranno i termini x il rinnovo delle tombe scadute ,disponendo la Giunta Comunale le opportune risorse economiche , , sara’ “certamente possibile ” anche riprendere la sepoltura x inumazione qualora opportunamente rimosse . Il Consiglio Comunale dotrebbe inoltre rivedere il regolamento di Polizia Mortuaria comunale con la riduzione della durata delle concessioni cimiteriali stesse dagli attuali 50 ai 30 anni . così come quasi la totalita’ dei comuni di cintura, garantendo la rotazione dei posti .ma con priorita’ di stradario x gli ex- residenti nelle aree dei cimiteri zonali ( 9) circoscrizionali e il migliore decoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.