Truffa della patente, i vigili bloccano un egiziano

La polizia di Como ha scoperto un nuovo tentativo di truffa per superare l’esame di teoria per la patente di guida. Si tratta del secondo caso a distanza di tre settimane da un primo blitz della polizia locale di Como. L’uomo coinvolto questa volta è un cittadino di origine egiziana di 25 anni residente a Cinisello Balsamo.

E’ stato denunciato per tentata truffa in concorso. L’operazione è stata condotta dagli agenti del Nucleo Sicurezza urbana della polizia locale di Como, coordinati dal commissario capo Aurelio Giannini.

Insospettiti dagli abiti e dall’agitazione dell’uomo, gli agenti, poco prima dell’inizio della prova d’esame, hanno effettuato un controllo e hanno scoperto che il 25enne aveva un cellulare collegato ad un auricolare senza fili. Lo smartphone, nascosto sotto gli abiti, grazie ad un foro praticato sulla maglietta, serviva ad inquadrare il monitor su cui erano proiettati i quiz. Tutto il materiale è stato sequestrato. I controlli effettuati dal comando della polizia locale, diretto da Donatello Ghezzo, fanno seguito alle segnalazioni pervenute dalla Motorizzazione.

Articoli correlati