Truffa finanziaria da 30 milioni di euro
Cronaca

Truffa finanziaria da 30 milioni di euro

I soldi utilizzati per pagare i sicari incaricati di sparare all’architetto Alfio Molteni, ucciso a Carugo nel 2016: chiedendosi da dove venisse quella somma, circa 10mila euro, dati dal commercialista Alberto Brivio – condannato in primo grado all’ergastolo come mandante dell’omicidio – la Guardia di finanza di Como ha scoperto un complesso sistema di raccolta illecita di finanziamenti tramite il sistema di crowdfounding.
L’indagine ha permesso di smantellare un’associazione a delinquere finalizzata alla raccolta illecita di denaro, tramite promotori finanziari non autorizzati che promettevano agli investitori rendite fuori dal mercato, fino al 12% l’anno.
«Ci si è imbattuti in una rete internazionale molto ampia – spiega il colonnello Alberto Catalano, comandante provinciale della Finanza di Como – che era dedita, senza le previste autorizzazioni e con grande danno per i risparmiatori, a effettuare raccolta abusiva di fondi sul territorio nazionale».
«Attingevano – aggiunge Catalano – a una rete di promotori e professionisti conosciuti a livello locale in grado di carpire la fiducia delle persone».
Almeno 300 persone hanno versato a queste società somme da 10mila a oltre 200mila euro, per una raccolta totale, in meno di due anni, di circa 30milioni di euro.
«Indubbiamente il tasso maggiorato attira ancora utenti di svariate categorie – sostiene Nicola Piacente, procuratore della Repubblica di Como – Si parte dai piccoli risparmiatori per arrivare all’evasore fiscale, che utilizza questi canali paralleli non ufficiali per occultare somme non dichiarate».
Una quarantina tra i risparmiatori truffati hanno già sporto denuncia, ma altri ora potrebbero farsi avanti. La Finanza, in queste ore ha effettuato sequestri di beni e sconti correnti per un totale di 34 milioni di euro riconducibili agli indagati, quaranta accusati a vario titolo di associazione per delinquere transnazionale finalizzata a commettere delitti di abusivismo finanziario e riciclaggio.
Alberto Brivio, dal canto suo, «aveva delle quote nella società austriaca al centro dell’indagine – precisa il sostituto procuratore Pasquale Addesso, titolare dell’inchiesta -, però non gli viene contestata l’associazione a delinquere per questi reati, ma un presunto un giro di false fatture per le quali è già in corso il processo».

28 Lug 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto