Truffatori condannati a 20 mesi e riconosciuti da un’altra vittima

Campione d’Italia
I truffatori delle pensionate, fermati la scorsa settimana dai carabinieri di Campione d’Italia, sono stati condannati entrambi a un anno e otto mesi di carcere. Intanto, le immagini messe a disposizione dalle forze dell’ordine e diffuse dai media hanno portato alla denuncia di un episodio riconducibile con ogni probabilità agli stessi malviventi, riconosciuti da un’anziana che nel settembre scorso era stata derubata fuori da un supermercato.
I due truffatori condannati ieri in Tribunale a Como sono due milanesi di 47 e 41 anni, residenti a Sesto San Giovanni. Sono stati bloccati dai carabinieri dell’enclave. Secondo l’accusa, i due seguivano le pensionate appena uscite da una banca e poi le derubavano utilizzando lo stratagemma delle monetine. In pratica, fingevano che la vittima avesse perso alcune monete e quindi, con la scusa di avvertirla e aiutarla a raccoglierle, le sottraevano la borsa.
A Campione, la tecnica era stata usata soprattutto fuori degli istituti di credito. Una donna residente a Como ha riconosciuto nei due milanesi i volti dei malviventi che, con la stessa tecnica, l’avevano derubata nel settembre scorso. Alla donna era stato rubato anche il bancomat, utilizzato poi dai ladri dato che la pensionata aveva lasciato in vista il codice pin.
A questo proposito, le forze dell’ordine ripetono l’appello di non tenere mai il numero segreto nel borsellino, né memorizzato nel telefono cellulare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.