Turba: “Grande risultato sulla Tangenziale di Como”

La tangenziale di Como

“Dopo la vittoria sull’elettrificazione della Como-Lecco, i parlamentari Comaschi della Lega hanno ottenuto un altro grande risultato: impegnare il Governo al reperimento dei finanziamenti necessari per la realizzazione del secondo lotto della tangenziale di Como”. Lo afferma sottosegretario della Presidenza di Regione Lombardia con delega ai Rapporti con il Consiglio regionale, Fabrizio Turba.

“Si tratta di un progetto strategico – ha detto ancora – che, insieme alla Canturina bis, alla Pedemontana, all’elettrificazione della Como-Lecco e ad altri interventi minori, ma pur sempre significativi individuati e finanziati da Regione, faranno diventare il nostro Territorio uno tra i più importanti dal punto di vista economico e turistico, ancora di più di quello che già rappresenta”.

“Per il secondo lotto della tangenziale – ha ricordato il sottosegretario – servono 600 milioni di euro che, grazie al lavoro dei parlamentari leghisti, il Governo ha promesso di trovare. Il Territorio Comasco non può più attendere, ha bisogno di infrastrutture all’avanguardia, la Regione ha fatto ampiamente la sua parte, adesso tocca all’Esecutivo”.

“Il progetto – ha spiegato Turba – prevede il collegamento in modo organico tra l’autostrada A9 e i comuni dell’area sud-est dalla città di Como, portando miglioramento sull’intera viabilità con conseguenti benefici per i lavoratori e per tutti coloro che ogni giorno si recano a Como per scambi commerciali ed economici”.

“Onestamente – ha concluso l’esponente della Giunta – mi sarei aspettato molto più impegno dai rappresentanti di Pd e 5Stelle che a parole si sono sempre dimostrati sensibili alle problematiche dei Comaschi, ma di risultati concreti nessuno; ha ottenuto molti più risultati la Lega, dall’opposizione, che Pd e 5Stelle al Governo”. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.