Cronaca

Tutelati ormai solo i residenti

La nota
La Svizzera si è mossa tardi. Non ha voluto crederci e oggi sta prendendo atto di aver vissuto situazioni non certo edificanti.
Il segreto bancario, legge che ha fatto la fortuna della Confederazione, è uno strumento attuale ormai soltanto per gli svizzeri o per gli stranieri residenti in Svizzera.
L’accordo con l’Ocse, che prevede la collaborazione internazionale ancor prima dell’ipotetico reato di truffa, ha di fatto ridimensionato il segreto ed è poco serio cercare affannosi accordi bilaterali con i singoli Paesi dove risiedono i potenziali risparmiatori con capitali nella Confederazione. Prova ne sia che, a tutt’oggi, è stato possibile sottoscrivere una relazione collaborativa solo con Austria e Inghilterra.
La pressione Usa da un lato e la nuova politica europea dall’altro (si veda, ad esempio, lo scontro tra Francia e Ubs) stanno colpendo a morte quel che resta del segreto nato e sviluppatosi nel secolo scorso. Oggi la piazza finanziaria elvetica ha bisogno di nuove e sapienti armi per poter reggere il passo.
* Vicedirettore La Regione Ticino

8 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto