Tutti a caccia di tartufi. Ecco le regole del gioco

altCane addestrato, zappetta e patentino. Questo il necessario per chi voglia diventare un cercatore di tartufi. Un corso specifico, organizzato dalla Regione Lombardia, permette di ottenere una licenza per questo passatempo, più complesso della ricerca di funghi ma che può dare enormi soddisfazioni. Tra Como, Lecco e il centro lago, c’è infatti l’habitat ideale per il tartufo nero, che ama terreni calcarei, non oltre i mille metri di quota.

 «Ci sono le premesse per un’ottima stagione– spiega Attilio Selva naturalista e conservatore al Museo etnografico di Grandola ed Uniti, nonché esperto di tartufi – il tipo locale estivo, denominato “Scorzone”, è stato il primo a maturare e se ne sono trovati molti esemplari; l’ipotesi è che l’estate piovosa abbia favorito anche le altre specie: il cosiddetto “corpo fruttifero”, da cui originano le spore, ha infatti bisogno di molta acqua».

«Il fungo è imprevedibile – precisa Selva – il tartufo invece, se non c’è stata siccità è abbastanza logico che arrivi; lo “Scorzone” si può cercare da luglio a fine novembre, i tartufi neri fino a dicembre, poi c’è la cosiddetta “Trifola invernale”, che si può cercare fino a gennaio».
Chi, invece, volesse semplicemente assistere a una “Caccia al tartufo”, l’appuntamento è per domenica 23 novembre, dalle 10.30, al Parco di Villa Carcano ad Anzano del Parco. In collaborazione con l’Associazione Tartufai Lariani e la Società Ortofloricola Comense, si potrà rivivere l’antica tradizione dedicata al tartufo del lago di Como e dell’Alta Brianza. Nel corso di un suggestivo itinerario tra scorci sul lago di Alserio, con la guida di Attilio Selva, i Tartufai Lariani, e i loro fedelissimi cani, mostreranno ai visitatori le fasi della ricerca. Al ritorno, uno spuntino caldo al profumo di tartufo e un buon vino rosso. Ingresso: 25 euro; 10 euro bambini sotto i 10 anni. Prenotazione obbligatoria al 340.9462516; e-mail: villacarcano@gmail.com. In caso di forte maltempo, l’iniziativa verrà rinviata.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.