Tutti contro tutti sulle ricette per affrontare la crisi italiana

Il dariosauro
di Dario Campione

Una commissione per abbattere il debito pubblico. L’ipotesi – da trasformare in legge – di rendere più facili i licenziamenti durante i periodi di crisi economica.
E ancora: privatizzazioni, dismissioni del patrimonio pubblico, una stretta sui contratti parasubordinati. E la riforma delle pensioni, rinviata però al 2026.
La lettera del governo Berlusconi all’Unione Europea, rilanciata ieri sera sul web da tutti i siti d’informazione, contiene di tutto un po’. Troppo lunga per farne

un sunto che sia comprensibile.
Le analisi sulla sostanza delle promesse italiane saranno condotte in queste ore e nulla, si presume, verrà risparmiato da parte dei critici più feroci.
Una cosa appare tuttavia chiara. La lettera serve a prendere tempo. Lascia respirare chi l’ha scritta. Si fanno promesse, ma non è chiaro se le stesse potranno essere mantenute.
La politica italiana ha vissuto una settimana letteralmente in apnea. La parola crisi affiora di minuto in minuto. Lo scontro tra partiti è a livelli mai visti. Non ci sono soltanto le scelte economiche a dividere. Ormai è una questione personale. Tra l’opposizione e Berlusconi. Tra la maggioranza e Fini. E via dicendo.
Un tutti contro tutti che ha trasfigurato completamente il normale corso delle cose. Nessuno sa come uscire da questa situazione. Le ricette degli uni sono indigeste agli altri. Lo stallo è completo.
Di questo parliamo stasera, in diretta su Etv a partire dalle 23. Ospite in studio Alessandro Alfieri, vicesegretario regionale del Pd, partito che in fatto di conflitti interni, in questo momento, non ha probabilmente rivali.
dariosauro@espansionetv.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.