Ubriaco alla guida, fugge ai carabinieri. Inseguito e arrestato

Fugge in auto al controllo dei carabinieri, rischia di investire cinque persone, ne ferisce una – fortunatamente solo in modo lieve- si nasconde nel giardino di una casa, reagisce ai militari dell’Arma che lo inseguono e lo trovano. Alla fine viene arrestato e si scopre che era alla guida in stato di ebbrezza. Protagonista dell’intera vicenda è un giovane kosovaro di 22 anni, trattenuto in camera di sicurezza dai carabinieri di Cantù fino al giudizio direttissimo di questa mattina, conclusosi con la convalida del provvedimento e con l’emissione dell’obbligo di firma. I fatti: la scorsa notte i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cantù in servizio di pattuglia hanno scorto il giovane kosovaro, residente a Mariano Comense, alla guida delle sua auto e in compagnia di un passeggero ventunenne, anch’egli di Mariano, che alla vista dei militari dell’Arma ha compiuto una manovra improvvisa nel tentativo di evitare un eventuale controllo. Il conducente ha imboccato contromano via XXIV Maggio a Cantù, rischiando di investire cinque persone che stavano per salire a bordo della propria macchina regolarmente parcheggiata sulla pubblica via. A rimetterci, alla fine, è stata una delle persone presenti in strada, che è stata urtata al gomito dallo specchietto dell’auto condotta dai fuggitivi riportando lievi lesioni. Immediati l’inseguimento e le ricerche dei fuggitivi da parte dei militari. L’autovettura è stata rintracciata e le due persone sono state bloccate. Il cittadino kosovaro si era nascosto in un’abitazione accovacciato nel giardino, ma non è riuscito a sfuggire alla vista dei militari. Per tutta risposta, però, ha usato resistenza e violenza contro i carabinieri ed è stato quindi arrestato. Gli ulteriori accertamenti fatti con l’etilometro hanno stabilito che il giovane conducente dell’auto aveva un tasso alcolemico nel sangue di oltre 1,7 grammi per il litro, vale a dire guida in stato di ebbrezza.

Articoli correlati