Uccisa durante lockdown, ergastolo per l’ex compagno

Sentenza sull'omicidio di Alessandra Cità

(ANSA) – MILANO, 06 LUG – E’ stato condannato all’ergastolo Antonio Vena, a processo per avere ucciso con un fucile a pompa, nel cuore della notte mentre dormiva, Alessandra Cità, 47 anni, tranviera dell’Atm (l’azienda dei trasporti milanesi) che voleva troncare la relazione con lui, tra il 18 e il 19 aprile 2020 nel periodo del lockdown per il Covid, a Truccazzano, nel Milanese. Lo ha deciso la Corte d’Assise di Milano (presidente Ilio Mannucci Pacini) accogliendo la richiesta di pena del pm Giovanni Tarzia. Vena, operaio di 47 anni ed ex guardia venatoria, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dal vincolo della relazione affettiva. "Voleva lasciarmi, l’ho ammazzata", aveva detto l’operaio ai carabinieri di Cassano D’Adda, poche ore dopo il delitto. Stando all’indagine, i due, coetanei, si conoscevano da molto tempo e avevano iniziato una relazione sentimentale circa 9 anni prima dell’omicidio. Nell’ultimo periodo vivevano a distanza: lui a Bressanone, in provincia di Bolzano, e lei nel comune dell’hinterland del capoluogo lombardo. A causa dell’emergenza coronavirus, Vena era in ferie forzate e da un paio di settimane viveva nell’appartamento insieme alla donna, che lo aveva ospitato in casa sua e che, però, voleva interrompere la relazione. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.