Uccise la madre: dieci anni di ospedale psichiatrico

I carabinieri sulla scena dell'omicidio di Carugo (foto Fkd) I carabinieri sulla scena dell’omicidio di Carugo (foto Fkd)

Si è chiusa ieri mattina con la sentenza di non luogo a procedere per la non imputabilità di Marcello Suriano, 22 anni di Carugo, la triste storia dell’omicidio della madre – Mariangela Moiola – andato in scena lo scorso 8 agosto. Il giudice dell’udienza preliminare, Luciano Storaci, non ha potuto fare altro che prendere atto della consulenza psichiatrica sulla mente del ragazzo (che lo riteneva incapace di intendere e di volere nonché pericoloso socialmente) e delle richieste del pm Massimo Astori, per poi leggere il dispositivo. È stata invece disposta la misura di sicurezza dell’ospedale psichiatrico giudiziario per un tempo di 10 anni, vista appunto la pericolosità sociale del 22enne. Il ragazzo lo scorso agosto strangolò la madre al termine di una lite per futili motivi (la donna l’aveva ripreso e sgridato), proseguita fin sul pianerottolo di casa. Per uccidere, fu utilizzato anche un sacchetto di plastica premuto sulla bocca della povera donna. I carabinieri arrivarono sul posto quando ancora il ragazzo stava infierendo sul corpo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.