Uccise suocero, ex compagna parte civile

Madre piccola chiede 1 euro di risarcimento simbolico a killer

(ANSA) – MILANO, 9 GEN – Un euro di risarcimento per fare sentire la propria "voce" nel processo a carico del suo ex compagno e padre di sua figlia. E’ la richiesta simbolica della donna che si è costituita parte civile nel procedimento abbreviato per il 35enne che, lo scorso 25 febbraio, a Rozzano (Milano), in compagnia di un complice, ha sparato e ucciso il suocero (padre della donna) che era indagato per avere abusato della nipotina (figlia dell’imputato e della donna). La 46enne – che ora vive insieme alla bambina lontano dal paese dell’hinterland milanese – ha così voluto "prendere le distanze" dal folle gesto dell’ex compagno, senza però chiedere altro risarcimento economico che una somma simbolica. La sentenza, davanti al gup di Milano Aurelio Barazzetta, è prevista per il prossimo 17 gennaio. L’omicidio è avvenuto il 25 febbraio scorso in un parco giochi a Rozzano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.