Cronaca

Uffici amministrativi nei “tribunalini”. Ecco i progetti di Menaggio ed Erba

altChiusi da settembre
Mentre a Cantù si è deciso di puntare sulla nuova caserma dei carabinieri
Sono chiuse da settembre le sedi distaccate dei Tribunali di Menaggio, Cantù ed Erba.
Avvocati, giudici e dipendenti si sono trasferiti in blocco a Como. A nulla sono servite le mozioni approvate al Pirellone contro la soppressione delle Preture e degli uffici del giudice di pace prevista da una legge del 2011.
Ma che fine hanno fatto queste strutture? I locali di Menaggio, ad esempio, erano stati oggetto di un ampio intervento di ristrutturazione tra il 2003 e il 2004. Il telegiornale di Etv ha fatto un’inchiesta proprio sul futuro dei “tribunalini” partendo dalla struttura del Centrolago per la quale non sembra impossibile una veloce conversione.

«Da una parte si trova la scuola media, che vorremmo ampliare e ristrutturare – spiega il sindaco uscente Alberto Bobba – Negli altri spazi, vorremmo realizzare un museo».
Le aule delle udienze, in caso di conferma della lista che ha tra i consiglieri anche Bobba (non più candidabile dopo due mandati), potrebbero diventare sale per convegni e iniziative culturali. «E poi – conclude Bobba – immaginiamo di unire tutti i servizi: quindi Agenzia delle Entrate, collocamento, uno sportello della Comunità montana, Inps e il nucleo della polizia locale».
Il Tribunale di Erba sarà invece trasformato in cittadella amministrativa. L’edificio è vuoto da settembre e quasi completamente inutilizzato. All’interno oggi soltanto il bar-tabacchi che dopo l’accorpamento ha visto praticamente azzerare lavoro e incassi. Per qualche mese ancora verranno esaurite, al mercoledì mattina, le udienze penali del giudice di pace, ma il resto della settimana gli spazi sono deserti.
Sulle bacheche sono ancora affisse le comunicazioni, tra quelle appese alla parete anche l’avviso della soppressione delle sezioni distaccate. Sbarrato l’accesso ai piani superiori, gli uffici sono chiusi, le aule sono inutilizzate.
Il Comune di Erba, proprietario dell’edificio, ha però deciso di utilizzarlo con l’obiettivo di agevolare i cittadini. Raggruppando, come negli intendimenti di Menaggio, le sedi di Inps, Agenzia delle Entrate, ufficio del Lavoro – che attualmente si trovano in locali di privati – in un’unica sede (dotata di ampio parcheggio) a partire, se tutto va bene, dall’inizio del prossimo anno. «Abbiamo pensato di sostituire gli uffici giudiziari con uffici amministrativi – spiega Claudio Ghislanzoni, vicesindaco e assessore al Patrimonio del Comune di Erba – Stiamo per concludere i contratti con tre realtà pubbliche: Inps, Agenzia delle Entrate e ufficio del Lavoro e crediamo che, al massimo, nei primi mesi del prossimo anno la struttura sarà operativa».
A Erba sta insomma per sorgere una cittadella amministrativa.
«Ma non sarà solo questo – prosegue Ghislanzoni – conserveremo anche i servizi attuali, come il bar e la rivendita di valori bollati, che ha insediato il Comune. Realizzeremo anche una sala civica – conclude il vicesindaco – per organizzare incontri e convegni».
«Il tema è complesso – aveva spiegato lo scorso autunno il sindaco di Cantù, Claudio Bizzozero – Il palazzo è di nostra proprietà. E tra le varie idee, la migliore prevede di insediare nell’edificio la nuova caserma dei carabinieri». Progetto già analizzato e discusso ma che, purtroppo, si deve scontrare «con la cronica carenza di fondi. Il Comune non ha i soldi per ristrutturare adeguatamente la sede», aveva spiegato il primo cittadino.
«Se le spese dovessero rimanere a nostro carico, difficilmente la nuova caserma potrebbe vedere la luce».
Bizzozero aveva anche proposto la cessione dell’ex Tribunale al Demanio. Nel frattempo, negli spazi di via Fossano, così come in quelli di Erba prosegue unicamente l’attività dei giudici di pace.
«Possiamo dire che non è stata incontrata alcuna difficoltà organizzativa – commenta Nicola Laudisio, presidente del Tribunale di Como – tutti i fascicoli sono arrivati alla sede centrale e sono stati digitalizzati. Per l’utenza non ci sono stati problemi».

Nella foto:
l’ingresso del Tribunale di Menaggio
18 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto