Ultras della Juve nei guai, da domani dal giudice

Juventus Allianz Stadium

Verrà sentito nelle prossime ore a Como, tra giovedì e venerdì, l’ultras della Juventus domiciliato a Cantù colpito dal blitz della Digos al culmine dell’inchiesta “Last Banner” della Procura di Torino. È quella infatti la data scelta dal giudice delle indagini preliminari per gli interrogatori di garanzia. Il brianzolo, originario della Valle Intelvi, 42 anni, è ritenuto essere uno dei capi della curva bianconera dietro lo striscione del gruppo “Nucleo 1985”.

Sono 12 le misure cautelari (di cui 6 in carcere, 4 ai domiciliari e 2 obblighi di dimora) eseguite all’alba di lunedì e che hanno colpito persone considerate essere tra i principali leader ultras della Juventus. Gli arrestati risultano indagati a vario titolo per associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. L’accusa è di aver ricattato la società bianconera per ottenere privilegi che il club aveva invece deciso di togliere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.