Umiltà e tenacia. Così va in scena Mario Lucini

Il tratto principale del mio carattere
«La tenacia».
La qualità che desidero in un uomo
«La sincerità».
La qualità che preferisco in una donna
«Perché mai dovrebbe esser diverso?».
Quel che apprezzo di più nei miei amici
«La disponibilità».
Il mio principale difetto
«La riservatezza».
La mia occupazione preferita
«Leggere».
Il mio sogno di felicità
«Amare ed essere amati».
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
«La solitudine».
Quel che vorrei essere
«Me stesso, con i miei pregi e i miei difetti».
Il Paese dove vorrei vivere
«L’Italia».
Il colore che preferisco
«Blu».
Il fiore che amo
«Mughetto».
L’uccello che preferisco
«Il falco».
I miei autori preferiti in prosa
«Mario Rigoni Stern e John Grisham».
I miei poeti preferiti
«Eugenio Montale».
I miei eroi nella finzione
«Tex Willer».
Le mie eroine preferite nella finzione
«Un po’ dark ma, perché no, Lisbeth Salander, protagonista della trilogia Millennium di Stieg Larsson».
I miei musicisti preferiti
«Bach e Mozart».
I miei pittori preferiti
«Caravaggio».
I miei eroi nella vita reale
«Giorgio Ambrosoli».
Le mie eroine nella storia
«Madre Teresa di Calcutta».
I nomi che preferisco
«Quelli dei miei figli: Fabio, Filippo e Federica».
Quel che detesto più di tutto
«L’ipocrisia».
I personaggi storici che disprezzo di più
«I dittatori come Hitler».
L’impresa militare che ammiro di più
«La rottura dell’accerchiamento di Nikolaevka».
La riforma che apprezzo di più
«Il voto universale tipico di ogni democrazia».
Il dono di natura che vorrei avere
«L’eloquenza».
Come vorrei morire
«Con vicino a me le persone che amo».
Stato attuale del mio animo
«Sereno».
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
«Gli errori compiuti in buona fede».
Il mio motto
«Umiltà e coraggio».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.