Un anno di pandemia sul Lario, il racconto per immagini

Emergenza sanitaria Covid a Como

Un anno di emergenza sanitaria in Italia per il Covid 19. Il primo caso fu infatti segnalato il 21 febbraio del 2020 a Codogno, in provincia di Lodi. Da quel giorno nulla è più stato come prima: sono stati 365 giorni di sofferenza sotto ogni profilo, di lutto e dolore per chi ha perso propri cari, di patimento e di battaglia vinta per chi è invece riuscito a superare la malattia. Tutto è cambiato e sono state vissute situazioni che, all’inizio del 2020, nessuno avrebbe nemmeno lontanamente immaginato. Il Covid 19 – anche a detta di molti esperti – sembrava destinato a rimanere un fenomeno locale cinese. Si guardavano da lontano le immagini di Wuhan vuota, con compatimento, senza sapere che poche settimane dopo la stessa situazione avrebbe toccato l’Italia e proprio la Lombardia, tristemente diventata epicentro mondiale del virus.
Abolite le strette di mano, gli abbracci, i contatti, la convivialità; eventi di qualunque tipo senza pubblico, teatri e cinema chiusi. Il vocabolario quotidiano si è arricchito di termini come lockdown, distanziamento, Dad (didattica a distanza), mascherine, e, più recentemente, vaccinazioni e varianti. I virologi e gli analisti sono diventati gli ospiti più gettonati in televisione.
Le immagini di questa pagina rappresentano situazioni che prima di quel fatidico 21 febbraio potevano al massimo essere state viste in qualche film di fantascienza: strade e piazze vuote, l’esercito a controllare, le code ai supermercati come in guerra, la dogana chiusa, le persone bardate per evitare il contagio. Un incubo diventato realtà.

Foto @Roberto Colombo-Corriere di Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.