Un anno fa veniva ucciso don Roberto: una giornata di ricordo

Don Roberto Malgesini

Erano le 7 di mattina del 15 settembre del 2020 quando don Roberto Malgesini, impegnato a preparare le colazioni da portare ai senzatetto della città, venne avvicinato e ucciso a coltellate da uno dei poveri che aiutava. Gli si avvicinò con una scusa, un finto mal di denti. Don Roberto ebbe anche in quella occasione un gesto di carità, rispondendo all’uomo che poi l’avrebbe ucciso: «Fammi finire il giro delle colazioni, poi ti porto in ospedale».
In quel momento Ridha Mahmoudi, tunisino di 53 anni, lo colpì con la prima delle coltellate che furono fatali. Oggi, 15 settembre 2021, a un anno esatto di distanza, alla stessa ore del martirio – le 7 della mattina – ci sarà la recita del rosario in ricordo del religioso, primo atto di una giornata interamente dedicata alla memoria del prete degli ultimi, che proseguirà con l’intitolazione dell’area davanti alla chiesa di San Rocco e con la santa messa di suffragio.
La giornata si svolgerà a pochi passi dai luoghi a lui cari, dove aiutava gli ultimi, i senzatetto, gli emarginati dalla nostra società. Gesti di estremo amore che erano stati ricordati ed esaltati anche da Papa Francesco.
Il primo momento della giornata è previsto – come detto – alle 7 di questa mattina con la recita del Rosario. Al pomeriggio alle ore 17.30 l’area davanti alla chiesa di San Rocco sarà intitolata Largo Don Roberto Malgesini. La cerimonia si svolgerà alla presenza di un limitato numero di autorità civili e religiose, nel rispetto delle attuali disposizioni sanitarie per limitare la pandemia da Covid-19.
«Nella piazzetta antistante la chiesa, sul luogo dove è avvenuta la tragedia, verrà posizionata una croce in ferro battuto, semplice, significativa, infissa in una pietra di Moltrasio – fa sapere il Comune di Como – La croce (che in realtà è stata posizionata ieri e oggi verrà scoperta, ndr) è donata dalla Diocesi, che esprime gratitudine alla città per aver accolto, nelle preposte sedi istituzionali, la richiesta di ricordare don Roberto Malgesini con un segno che fa memoria del suo sacrificio e permette alle persone di fermarsi a riflettere e pregare».
L’iniziativa di dedicare un luogo della città e un’opera al ricordo di don Roberto Malgesini infatti era stata proposta dal vescovo, monsignor Oscar Cantoni, ed era stata presentata dal sindaco Mario Landriscina al consiglio comunale, dove la proposta era stata accolta all’unanimità «nella comune partecipazione al ricordo dell’opera instancabile di questo sacerdote e concittadino che ha dedicato l’esistenza ad alleviare la sofferenza dei più deboli, fino all’estremo sacrificio della propria vita», si legge nella nota diffusa da Palazzo Cernezzi.
Alle 20.30 infine, nella chiesa di San Bartolomeo, il vescovo Oscar Cantoni presiederà la santa messa di suffragio.
Nel rispetto (anche in questo caso) delle norme anti-Covid sarà a disposizione un numero limitato di posti per i fedeli che vorranno assistere alla funzione.
La diretta di Etv
Anche Espansione Tv onorerà il ricordo di don Roberto Malgesini. Le telecamere saranno alle 17.30 nella piazzetta di fronte alla chiesa di San Rocco, in occasione della intitolazione del Largo a Don Roberto. Sul luogo dove è avvenuta la tragedia, come detto, verrà scoperta una croce in ferro battuto infissa in una pietra di Moltrasio, donata dalla Diocesi di Como. La cerimonia – che dovrà rispettare le restrizioni anti-Covid – verrà seguita e trasmessa in diretta a partire dalle 17.25, sul tasto 19 del digitale terrestre. La redazione di Etg documenterà l’evento con immagini e interviste in tempo reale. In studio, ad affiancare il commento giornalistico, don Andrea Messaggi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.