Cronaca

Un anno per l’esame specialistico agli occhi. La denuncia di un cittadino comasco

alt

Sanita sul Lario
L’Asl conferma le lunghissime liste d’attesa: «Sant’Anna e Valduce sono saturi»

Dieci mesi di attesa al Sant’Anna, 12 al Valduce. Passa dall’oculistica l’ennesimo caso delle liste infinite per prenotare visite ed esami. La denuncia è di un uomo residente in città alle prese con un problema agli occhi e costretto a fare i conti con attese lunghissime. Prescrizione del medico di medicina generale in mano, Angelo Vozella, la scorsa settimana si è rivolto al Sant’Anna per prenotare una visita oculistica con tomografia ottica, un’indagine specialistica necessaria in caso sospetto di patologie della vista. «Al Sant’Anna mi hanno detto che la prima data libera era per settembre 2014 – dice – Ho lasciato perdere, pensando di rivolgermi al Valduce. È andata anche peggio: mi hanno proposto un appuntamento tra un anno, a novembre del 2014. Mi

vedo costretto a chiedere appuntamento privatamente – dice Vozella – Non lo trovo giusto, visto che pago per la sanità pubblica. È inconcepibile un’attesa tanto lunga. E dire che siamo in Lombardia, la regione che decanta di offrire il miglior servizio sanitario italiano». I tempi d’attesa denunciati da Vozella sono confermati dall’Asl. «La tomografia ottica è un esame particolare, che richiede la disponibilità di un macchinario che poche strutture hanno – dice Vittorio Bosio, direttore del dipartimento Programmazione dell’Asl di Como – Sant’Anna e Valduce hanno il maggior numero di richieste e ciascuna delle due strutture effettua dai 4 ai 5mila accertamenti di questo tipo in un anno. Le agende sono effettivamente sature e non possiamo chiedere che siano accorciati i tempi». Il discorso cambia soltanto in caso di urgenza. «Qualora il medico o lo specialista ritengano che l’esame sia urgente – dice ancora Bosio – hanno la possibilità di apporre il cosiddetto bollino verde. In questo caso, le strutture sono tenute a garantire subito la prestazione e l’Asl vigila perché questo diritto sia assicurato». Sul territorio lariano, oltre a Sant’Anna e Valduce anche Villa Aprica e l’ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona hanno a disposizione il macchinario per eseguire la tomografia ottica. I tempi d’attesa sono più brevi: meno di 60 giorni nel primo caso e 2-3 giorni soltanto per chi sceglie il presidio dell’Altolago. Pochi pazienti però hanno questa informazione, perché al momento non è possibile prenotare la prestazione con il call center regionale 800.638.638. «Chiederemo a Villa Aprica e Moriggia Pelascini di mettere le agende a disposizione del numero verde regionale – conclude Bosio – in modo che i pazienti possano accedervi».
Anna Campaniello

21 Nov 2013

Info Autore

Admin@corcomo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto