Un appello contro il degrado del quartiere

PONTE CHIASSO 
Strade secondarie utilizzate come discariche a cielo aperto, vie intasate dall’incessante traffico in entrata e in uscita dalla vicina Svizzera. Uno smog opprimente che si respira mentre si passeggia per il quartiere. Per non parlare della carenza di spazi verdi e del degrado nei pochi giardinetti. Tutto questo in una zona dove negli ultimi anni si è assistito a una crescita edilizia spesso selvaggia.
È la fotografia del quartiere di Ponte Chiasso che dovrebbe invece essere una porta d’accesso all’Europa per chi viene dalla Svizzera. Una bella patata bollente per le prossime classi dirigenti locali, che spero non passi nel dimenticatoio, magari soverchiata dalle altre emergenze come Ticosa e paratie.

Loretta Bellini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.