Un aquilone per Patrick Zaky, Amnesty svela il disegno

Volerà il 12 a Cervia. Patrocinio anche da Comune Bologna e Fnsi

(ANSA) – BOLOGNA, 10 SET – Crescono le adesioni all’iniziativa di Amnesty International Italia, Festival dei Diritti Umani e Articolo21 di un aquilone per Patrick Zaky, che volerà sabato 12 a Cervia, per chiedere simbolicamente la scarcerazione dello studente egiziano dell’Università di Bologna arrestato sette mesi fa in Egitto e da allora in carcere. Il Comune di Bologna e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana si aggiungono ai patrocini concessi all’iniziativa, cui hanno dato la propria adesione anche la casa editrice People, Libera – Emilia-Romagna, il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, Pressenza Italia e il Festival del giornalismo civile Imbavagliati. E oggi Amnesty svela l’immagine che sarà sull’aquilone costruito dal’Associazione Cervia Volante. Creato dall’artista Gianluca Costantini, il disegno mostra il volto dell’attivista avvolto da filo spinato. "Sono passati sette mesi da quando Patrick Zaky è stato imprigionato in Egitto – ricorda Amnesty – Pochissime le visite permesse, censurate le lettere spedite e ricevute dallo studente egiziano. È accusato di incitamento alla protesta e terrorismo, ma in realtà paga il prezzo del suo attivismo per i diritti umani". L’aquilone per Zaky fa parte dell’intensa mobilitazione in Italia – dove Patrick studiava – per la sua liberazione. "Nasce dopo aver appreso la notizia del divieto deciso dal governo egiziano di far volare gli aquiloni – spiega Amnesty – l’ennesima libertà negata in uno stato dove dal 2017 è tornato in vigore lo stato di emergenza e in cui arresti, condanne, sparizioni forzate e torture sono prassi comuni". Prima del volo dell’aquilone si svolgerà un incontro sulla situazione dei diritti umani in Egitto, alle 10.30 al Bagno Sabrina. Tra gli interventi un videomessaggio di Bahey El Din Hassan, fondatore del Cairo Institute for Human Rights Studies, da poco condannato a 15 anni da un tribunale egiziano. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.