«Un centro con atletismo e mobilità». Cantù ingaggia il 22enne Kennedy

Markus

Il club, dunque, prosegue con la linea della scorsa stagione. Un anno fa, nella stessa situazione, fu ingaggiato Kevarrius Hayes, al suo primo torneo lontano dagli Stati Uniti. La speranza è che il risultato sia lo stesso, visto che Hayes è stato uno dei migliori nel torneo della S.Bernardo-Cinelandia. Ora l’americano è stato ingaggiato dai francesi dell’Asvel Lyon- Villeurbanne.
Tra le doti di Kennedy c’è la rapidità; è un cestista che ama correre in campo aperto grazie a un’agilità e a una mobilità sopra la media per il ruolo. Lo statunitense è dotato inoltre di una buona tecnica per un lungo, e sa farsi valere sia a rimbalzo sia in difesa. Per Cantù è il secondo acquisto di un atleta extracomunitario. Il primo è stato quello di Donte Thomas.
Del reparto dei lunghi fa parte anche un altra scommessa, oltre a Sha’markus Kennedy: è l’italo-camerunense Jordan Bayehe, che arriva agli ordini di coach Cesare Pancotto dopo un ottimo torneo di A2 disputato a Roseto degli Abruzzi.
«Kennedy – sostiene il general manager della Pallacanestro Cantù Daniele Della Fiori – è un centro che ha nell’atletismo e nella mobilità le sue qualità migliori. È un ragazzo giovane, al suo esordio nel mondo dei professionisti, e quindi, come per tutti i rookie, la chiave della sua stagione sarà l’adattamento al basket europeo nel più breve tempo possibile».
«Credo che Sha’markus abbia notevoli margini di crescita e che le sue qualità potranno essere molto utili alla nostra squadra» conclude il dirigente della S.Bernardo- Cinelandia.
Dopo aver iniziato la sua carriera universitaria a Chipola College, in Florida, Kennedy si è trasferito nel 2018 in Louisiana, nella McNeese State. Con questa formazione il pivot ha totalizzato 13,1 punti, 7,1 rimbalzi e 1,9 stoppate di media a partita nella prima stagione. Poi l’esplosione nel suo ultimo anno al college, chiuso con le eccellenti cifre di 18,6 punti, 10,9 rimbalzi, 2,6 stoppate e 1,5 assist di media ad incontro.
Il 25 gennaio del 2020 ha realizzato il suo miglior punteggio: 37 punti segnati a Houston Baptist University. Nella stessa partita ha fatto registrare il massimo di tiri da due realizzati e tentati (14 su 15). Il primato di rimbalzi è stato invece contro la University of Central Arkansas (21, lo scorso 8 febbraio).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.