Un episodio più unico che raro: 45 anni fa al Sinigaglia il Como raggiunto dalla Juventus per una bestemmia

Claudio Correnti

Oggi è il 45° anniversario di un evento unico non solo per il Calcio Como, ma per il pallone italiano. Il 12 ottobre 1975 è rimasto nella storia. Il Como – ritornato in serie A dopo una lunga serie di stagioni tra B e C – stava vincendo per 2-1 al Sinigaglia con la Juventus. Ma all’89° si è sentita volare un’imprecazione. Era dell’azzurro Claudio Correnti. L’arbitro Gianfranco Menegali ha fischiato una punizione per i bianconeri. E proprio su quel calcio da fermo (deviato in rete da Silvano Fontolan), la Juventus, fino a quel punto in evidente difficoltà, ha pareggiato.

Un episodio che ancora oggi viene citato nelle discussioni degli appassionati, soprattutto dai dietrologi, quando si citano episodi in cui le cosiddette “grandi” sono state in qualche modo favorite da scelte arbitrali contestate. Un punto in più che alla Juventus non servì per vincere lo scudetto, che andò al Torino allenato da Luigi Radice con i vari Paolo Pulici, Francesco Graziani, Claudio e Patrizio Sala, Erlado Pecci e il menaggino Luciano Castellini in porta.

Proprio 10 anni fa, il 12 ottobre del 2010, Marco Guggiari aveva intervistato per il nostro giornale Claudio Correnti. Per chi volesse rivivere quell’episodio curioso, ecco l’articolo che lo ricorda.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.