Un globo a Palazzo Terragni, la Fondazione Volta per un futuro sostenibile

L'opera allestita nell'atrio di Palazzo Terragni

L’opera “Dry Jourt – Un pianeta di plastica” voluta e realizzata da Fondazione Volta e realizzata dagli artisti comaschi Evelina Maralla, Pietro Turati, Edoardo Brambilla e Luca Metta è esposta da oggi nell’atrio di Palazzo Terragni, dove resterà fino al 4 luglio 2021.

L’opera, in prima visione per Como, fa parte della mostra “Weplanet-100 globi per un futuro sostenibile” che si svolgerà dal 27 agosto al 7 novembre nelle principali vie e piazze di Milano. Le opere sono state realizzate da enti ed istituzioni il cui logo compare sulla targa posizionata alla base di ogni globo, insieme al titolo, al nome dell’autore e all’impegno sostenibile dell’azienda. Per Fondazione Volta l’impegno sostenibile si ispirato al motto “Alessandro Volta, da Como energia per la terra”.

Terminata l’iniziativa, i globi saranno battuti ad un’asta benefica organizzata da Sotheby’s  e il ricavato  sarà devoluto a ForestaMi, in particolare all’Associazione Parco Segantini Onlus, all’Ospedale Niguarda e alla Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca scientifica d’eccellenza contro i tumori, e alla Fondazione Arca Onlus che opera a sostegno dei poveri per l’assistenza e l’ integrazione. “Siamo entusiasti della partecipazione di Fondazione Alessandro Volta alla nostra iniziativa focalizzata nel divulgare idee e valori condivisi sul futuro del nostro pianeta” – ha detto Paolo Casserà Ceo di Weplanet. Da non perdere, il convegno del 27 giugno alle 15, sempre a Palazzo Terragni, e organizzato con il festival Ecolario “Come rendere concreta la moda sostenibile”..

Orari di visita: dal 26 giugno al 2 luglio dalle ore 15.00 alle ore 17.00; dal 3 al 4 luglio dalle ore 10.00 alle ore 12.00. Ingresso gratuito, su prenotazione al link: https://reservo.me/fondazionealessandrovolta/). 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.