«Un intervento di grande impatto: ogni minimo dettaglio va studiato in maniera seria e scientifica»

Il futuro della città
La maggioranza difende l’idea dell’assessore Gerosa
Un modo di procedere «oculato e necessario per studiare la fattibilità di un intervento di forte impatto, se realizzato, su tutta la città». È il primo commento di Andrea Luppi, capogruppo in consiglio comunale del Partito Democratico, che interviene dai banchi della maggioranza sull’idea – o meglio sul sogno espresso dall’assessore alla Mobilità, Daniela Gerosa – di pedonalizzare il lungolago in maniera definitiva.
«L’intento è chiaro ed è più volte stato ribadito in questi giorni – aggiunge – si vuole studiare la possibilità di concretizzare questo piano e per farlo è necessario studiare, in maniera scientifica, ogni minimo dettaglio. È questa la volontà dell’amministrazione».
Esaminare tutti gli elementi a disposizione, trarre delle conclusioni e riflettere. «È un approccio da un punto di vista urbanistico assolutamente qualificante – spiega Luppi – Questo denota serietà. Se si fosse fatto il contrario, dichiarando semplicemente come la pedonalizzazione fosse un obiettivo della giunta senza fornire ulteriori spiegazioni, allora sarebbe mancata la serietà. Con i risultati dell’analisi in mano, se negativi, saremmo ovviamente pronti a fare marcia indietro e non pensarci più».
Viene dunque ribadita la bontà del modo di agire adottato. «Capisco che su altri temi riguardanti la città, come l’autosilo di viale Varese, si stia già dibattendo come se fosse imminente, ma sulla pedonalizzazione siamo assolutamente all’anno zero», conclude Luppi.
E fanno discutere anche le perplessità espresse da Elisabetta Patelli, portavoce regionale dei Verdi che pur condividendo l’idea ne ha contestato l’approccio. «La Patelli ha sostenuto come esistano già degli studi sul carico viabilistico e su possibili percorsi alternativi – interviene il consigliere comunale di Paco-Sel, Luigi Nessi – Però si tratta di elaborati vecchi di dieci anni. Oggi non è possibile in alcun modo tenerli in considerazione. Le valutazioni vanno fatte su analisi attuali». E infine emerge, in ogni caso la necessità di parlare. «Noi come Paco Sel ci riuniremo domani (questa sera, ndr) per discutere anche del tema lungolago», conclude.

F.Bar.

Nella foto:
Traffico paralizzato in piazza Matteotti: è l’effetto più temuto della chiusura del lungolago

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.