Un nuovo dormitorio per i senzatetto comaschi

alt La struttura è stata individuata all’interno del Centro pastorale Cardinal Ferrari
Annuncio dell’assessore in occasione della notte dedicata ai clochard

(p.an.) La notizia non poteva arrivare in un giorno migliore. Mentre a Como, come in tutta Italia, si celebrava la “Notte dei Senza Dimora”, l’assessore ai Servizi sociali di Palazzo Cernezzi, Bruno Magatti, ha annunciato che i senzatetto della città, perdonateci il gioco di parole, non si difenderanno più dal freddo sotto la tenda della Croce Rossa, ma potranno presto contare su quattro mura e, appunto, un tetto. «Abbiamo identificato con la Diocesi una struttura all’interno del Centro pastorale

Cardinal Ferrari che è decisamente più idonea del tendone. Il tendone è propriamente un centro emergenziale, ha una serie di criticità a iniziare dalla scelta della collocazione».
La struttura negli ultimi anni è stata ospite del cortile dell’Università dell’Insubria, dietro Sant’Abbondio.
«C’è sempre stata la disponibilità dell’ateneo – spiega Magatti – ma si trattava di una soluzione provvisoria. Dal mio insediamento ho insistito perché si potesse dare una risposta diversa ai senzatetto, in materia di qualità. Senza dimenticare che non è proprio salubre respirare aria calda pompata nella tenda».
La struttura identificata è di proprietà della Curia e attualmente sono in corso degli interventi di adeguamento.
«Si concluderanno a breve in modo da inaugurare la struttura prima dell’arrivo del freddo intenso», spiega sempre Magatti.
Riguardo alla popolazione dei senzatetto comaschi, non esistono numeri precisi.
«Posso parlare per impressione e non con dati certificati, ma certamente non possiamo dire che il processo sia in diminuzione. Solitudine, povertà estrema e abbandono non sono certo calati», conclude l’assessore.
Intanto, come si diceva, quella appena trascorsa è stata la “Notte dei Senza Dimora”, iniziativa che a Como è curata dall’associazione Incroci Onlus, la stessa che garantisce, ogni sera, un pasto caldo e gratuito a poveri ed emarginati in uno spazio messo a disposizione dall’Opera Don Guanella.
Sono stati allestite diverse iniziative, vista anche la concomitanza con i 15 anni di vita della mensa di Como. Dopo un’intensa giornata di incontri, riflessioni, pranzo e cena solidali e una serata musicale alla Lucernetta, in tanti si sono ritrovati sotto i portici del Liceo Volta per trascorrere una notte da senzatetto.

Nella foto:
Tenda addio
I senzatetto comaschi avranno a disposizione un nuovo dormitorio per l’inverno. La struttura è stata individuata all’interno del Centro pastorale Cardinal Ferrari

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.