Un progetto ancora da costruire

Il commento
di Dario Campione
Nel suo discorso di investitura, il neo- presidente della Camera di Commercio, Ambrogio Taborelli, ha parlato della necessità di una «visione». Prospettica e di sistema. Le indicazioni di programma contenute nel testo del suo intervento, però, sono state (forse) volutamente generiche. Insistendo nel voler sottolineare la fase di «condivisione» necessaria alla stesura del progetto di governo di via Parini, Taborelli si è preso qualche giorno di tempo. Utile anche e soprattutto alla conclusione della difficile trattativa sulla composizione della giunta.

La squadra che lo affiancherà nei prossimi 5 anni giocherà un ruolo determinante. Se nella stanza dei bottoni sederanno soltanto i rappresentanti delle maggiori associazioni di categoria, i problemi di gestione saranno presto evidenti. L’economia del territorio non è più monolitica. Come dimostrano anche i numeri reali, una grande parte delle aziende e del mondo del lavoro comasco non si riconosce nelle sigle storiche dell’associazionismo organizzato. Il progetto di Taborelli è tutto da costruire. Sarà determinante la qualità dei “mattoni”. Quelli vecchi ma, soprattutto, quelli nuovi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.