Ancelotti chiama Vecchi al Real

alt

Calcio – L’ex giocatore del Como è il nuovo preparatore dei portieri della squadra madrilena

È stato l’uomo che ha fatto crescere Gigi Buffon al Parma e Dida al Milan, a fianco dell’allenatore Carlo Ancelotti. Ora, dopo aver lavorato nel settore giovanile del Milan, la nuova avventura al Real Madrid.
William Vecchi, classe 1948, già portiere del Como tra gli anni ’70 e ’80, inizia subito con una sfida tosta. Nella prossima stagione, con le “Merengues”, dovrà infatti gestire la rivalità fra Iker Casillas, uomo simbolo del Real Madrid e della

Nazionale spagnola, e Diego Lopez.
Come gli appassionati ricorderanno, infatti, proprio Lopez a sorpresa fu preferito dal tecnico Mourinho rispetto a Casillas, una scelta che tanto ha fatto parlare anche fuori dalla terra iberica.
Una nuova esaltante esperienza per Vecchi che trent’anni fa è stato un uomo simbolo del Calcio Como. Per lui, sul Lario, sei stagioni totali in uno dei periodi più esaltanti nella storia del club lariano. William Vecchi fu infatti il portiere del “doppio salto” dalla serie C1 alla A tra il 1978 e il 1980, nella squadra che aveva come allenatore Giuseppe “Pippo” Marchioro e il cui preparatore atletico era Angelo Fulvio Sguazzero che, proprio da pochi giorni, è tornato nello staff del Calcio Como.
Prima di venire sul Lario, Vecchi era stato portiere di Milan (società in cui è cresciuto) e Cagliari. Dopo l’esperienza lariana è andato alla Spal, dove ha chiuso la sua esperienza agonistica e ha iniziato la carriera di preparatore dei portieri: oltre che con Milan, Parma e Real Madrid ha lavorato anche con Juventus, Genoa e Reggiana.
Vecchi – originario di Scandiano, in provincia di Reggio Emilia – ha sempre conservato un ricordo positivo della sua esperienza sul Lario. Ogni tanto si è anche rivisto al Sinigaglia. Per esempio, nel 2003 giocò nella partita fra ex azzurri dedicata ad Adriano Lombardi, un match in cui scese in campo anche Stefano Borgonovo che, come Lombardi, è scomparso per la Sla.
Vecchi, dicono le cronache dell’epoca, dimostrò di non avere perso l’antico smalto e offrì una serie di belle parate. Proprio poche settimane fa, invece, l’ex portiere azzurro era al Sinigaglia in occasione dell’amichevole fra Calcio Como e la squadra Allievi del Milan, guidata da Filippo Inzaghi. Un’occasione per salutare amici come Gianluca Zambrotta nello stadio che lo ha visto per anni protagonista.
Di fatto una delle sue ultime uscite ufficiali con la casacca rossonera prima del trasferimento al Real Madrid. Una decisione presa non molto tempo fa, ai primi di luglio, dopo la chiamata del suo amico Carlo Ancelotti. Vecchi ci ha pensato a lungo, perché con il trasferimento in Spagna per un po’ di tempo non potrà vedere i suoi familiari, che comunque lo hanno convinto a rispondere positivamente alla chiamata di quello che prima di tutto è un amico. Nello staff, peraltro, con Ancelotti e Vecchi c’è un grande del calcio mondiale come Zinedine Zidane, che ricopre il ruolo di viceallenatore.
Già in passato, a Madrid, il Real era stato allenato da un personaggio in un certo senso ex comasco. Si tratta di Fabio Capello che, come gli appassionati di hockey su ghiaccio ricorderanno, è stato per qualche stagione presidente dell’Hockey Como, quando la squadra lariana faceva parte della Polisportiva Mediolanum, che faceva capo a Silvio Berlusconi. Era l’inizio degli anni ’90 e Capello “studiava” da dirigente. Ogni martedì sera era a Casate a seguire le gare interne della sua squadra, che sfiorò anche la promozione in serie A. Poi ha iniziato la carriera di allenatore e ora è commissario tecnico della Russia.

Massimo Moscardi

Nella foto:
William Vecchi poche settimane fa allo stadio Sinigaglia con Gianluca Zambrotta

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.