Un secolo di imprese in idrovolante. Festa grande all’Aero Club Como

alt

I cent’anni del “Gran Premio”
Su YouTube l’emozionante testimonianza di un pioniere del cinema

Sono solo 59 secondi ma raccontano in modo emozionante una pagina della storia dell’aviazione di un secolo fa, il “Gran Premio dei Laghi”, uno dei primi raduni di idrovolanti che ebbe come fulcro Como il 5 ottobre 1913 e radunò sul Lario assi dell’aviazione allora ancora nella fase pionieristica. Quei momenti si possono rivivere su www.youtube.com/watch?v=syFBz1AgIYE: è il rarissimo filmato girato in 35 mm da Luca Fortunato Comerio, pioniere del documentario e dell’industria cinematografica

italiana.
Quell’eredità continua a volare alto anche nell’era dei voli low cost a portata di moltissime tasche. Infatti i momenti più emozionanti dei voli in idrovolante sul lago di cent’anni fa (la gara fu vinta dal mitico Roland Garros) sono stati rievocati, venerdì e ieri, in un’intensa “due giorni” tra Bellagio e Como, proprio dall’Aero Club che del Lario ha fatto la patria europea degli idrovolanti.
Il centenario ha vissuto ieri i suoi momenti più intensi. Grazie a una riedizione dei voli postali che sono una delle cifre dell’impegno dell’Aero Club per il territorio, è stato rievocato il legame tra Varese e Como, una delle peculiarità della gara del 1913: il sindaco di Varese e il governatore lombardo Roberto Maroni hanno firmato ieri un messaggio di saluto nella città giardino che è stato poi recapitato in serata, durante la cerimonia ufficiale del centenario, al sindaco di Como Mario Lucini.
All’hangar non è mancata nemmeno un’esibizione di falconeria a cura dell’esperto Alfonso Bove, e hanno avuto successo le mostre storiche, con l’annullo ufficiale per la gioia dei collezionisti di filatelia, attivo fin dalla mattina. Non sono mancati gli eventi multimediali nel tardo pomeriggio e poi in serata, con un crescendo: prima la proiezione del film di Davide Van de Sfroos Terra & Acqua, documentario sulle radici musicali e culturali del menestrello della Tremezzina che presto approderà in tv, poi il film del 1962 di Antonio Leidi Gli Scarponi del Cielo e l’evento firmato da Mattia Costa di Rai 5, il film in presa diretta In volo nel tempo, con musiche dal vivo e tecniche di ripresa e di scenografia sperimentali: e solo alla fine il pubblico si è reso conto di essere lui stesso protagonista di un unico piano-sequenza. Anche oggi il volo idro continua a essere una fucina pionieristica.

Nella foto:
A sinistra, un velivolo dell’Aero Club pronto al decollo per il volo commemorativo del centenario. A destra, Cesare Baj, membro del direttivo e curatore delle celebrazioni, con il presidente dell’Aero Club Como Giorgio Porta ieri mattina in partenza per Varese (fotoservizio Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.