Una Centomiglia 2020 di respiro mondiale. La gara di motonautica andrà in scena dal 23 al 25 ottobre

prove centomiglia del lario

Un evento sportivo storico che in questo 2020 avrà valenza iridata. La Centomiglia del Lario di motonautica, che andrà in scena dal 23 al 25 ottobre, sarà une delle manifestazioni di riferimento dell’attuale stagione agonistica italiana.
La tradizionale gara organizzata dallo Yacht Club non sarà imperniata soltanto sulla tradizionale gara di durata della domenica pomeriggio. La kermesse, infatti, avrà la durata di tre giorni visto che è stata inserita nel Mondiale Endurance e dell’Europeo Offshore. Ulteriore punto di forza: è stata prevista una competizione riservata alle idromoto.
In questi giorni sarà comunicata la programmazione definitiva, ma c’è già la certezza della dimensione internazionale della prova comasca, che non a caso, prenderà il via al venerdì, visto che il programma sarà molto intenso.
L’albo d’oro vanta tanti nomi importanti. Il primo vincitore, nel 1949, fu Mario Marzorati, con uno scafo Taroni, motorizzato Gray Marine 5000 cc. Tra i trionfatori, piloti protagonisti del Mondiale di F1 come Renato Molinari (1968, 1972, 1975, 1987) e Guido Cappellini (1999) oltre al compianto Stefano Casiraghi, 1° nel 1986 con un entrobordo Abbate-Lamborghini.
Il record assoluto di successi, undici, appartiene a Tullio Abbate, scomparso nello scorso mese di aprile: al compianto pilota e costruttore sarà dedicata la prossima Centomiglia.
Nel 2021, poi, al programma potrebbe aggiungersi il ritorno del Mondiale di Formula 1 . Argomento già affrontato in un incontro con il promoter iridato Nicolò di San Germano, l’ex iridato Guido Cappellini e il presidente dello Yacht Club, Giancarlo Ge.
San Germano avrebbe voluto portare la F1 Inshore sul Lago di Como già quest’anno, ma non ci sono stati i margini per concretizzare l’organizzazione di una gara molto dispendiosa sotto il profilo economico e logistico. Lo stesso Ge, in ogni caso, ha già avviato contatti con gli sponsor in vista del 2021 e i primi riscontri sono stati positivi. Vi sono quindi buone possibilità che la gara iridata possa tornare sul Lario. L’ultima volta era stata nel 2006, sulle stesse acque che nel 1981 avevano ospitato il primo Gran Premio in assoluto della F1, vinto da Renato Molinari.
Motonautica, ma non soltanto. Nella vela lo stesso Yacht Club Como ha appena curato a Pianello del Lario l’85° Campionato italiano Dinghy 12’. Alle premiazioni, al termine della sesta e ultima prova, con il presidente Giancarlo Ge erano presenti i consiglieri neoeletti del sodalizio di viale Puecher: Nadia Gaffuri, Fabio Scudeletti e Luigi Vicini.
La vittoria finale nella prova tricolore è andata a Vittorio D’Albertas (Circolo Santa Margherita Ligure), davanti a Roberto Benedetti (Caldè) e a Vittorio Macchiarella (Club Roggero Lauria).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.