Una intera famiglia dedita allo spaccio: arresti dei carabinieri a Cabiate

carabinieri

Marito, moglie e figlio, tutti arrestati con l’accusa di aver spacciato sostanze stupefacenti (soprattutto hashish e marijuana) a Cabiate. Una attività che i carabinieri della Tenenza di Mariano Comense, hanno definito «fiorente».

Una sorta di impresa familiare, insomma, nel campo però dell’illegalità. Nei guai, colpiti da una ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice del tribunale di Como su richiesta della procura lariana, sono finiti un 51enne di Cabiate, sua moglie di 47 anni e il figlio di 22. Solo la donna è stata sottoposta alla misura restrittiva dell’obbligo di firma, mentre gli altri due componenti della famiglia sono finiti nel carcere del Bassone di Albate.

Con loro anche chi – secondo la tesi accusatoria – riforniva la droga, ovvero due 33enni residenti a Merate e Cesano Maderno, quest’ultimo di origine marocchina. Secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri della Tenenza marianese, la famiglia gestiva non meno di trenta acquirenti che effettuavano ordini telefonici, mentre la consegna avveniva in seguito in luoghi individuati a poca distanza dalla casa di residenza dei tre.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.