Un’importante tela di Bernardino Luini arriva alla Pinacoteca Züst

La Madonna con il Bambino tra i Santi Giovanni Battista e Giuseppe e un membro della famiglia Quadri, opera di Bernardino Luini

Ad arricchire la mostra Il Rinascimento nelle terre ticinesi 2. Dal territorio al museo alla Pinacoteca Züst di Rancate è arrivata dall’Inghilterra un’importante opera di Bernardino Luini che si trovava in origine in Santa Maria degli Angeli a Lugano.  E’ la prima volta che la tela torna nel Ticino dopo secoli e la rassegna rappresenta quindi un’occasione unica per poterla ammirare. La Madonna con il Bambino tra i Santi Giovanni Battista e Giuseppe e un membro della famiglia Quadri, tela del grande artista rinascimentale Bernardino Luini, ha alle spalle una storia avventurosa: viene infatti commissionata intorno al 1525 dai Quadri, una famiglia comasca presente nel Luganese dal 1200, per la seconda cappella a destra entrando in Santa Maria degli Angeli. Attivi nella vita politica locale già nel Quattrocento, i Quadri guadagnano sempre più influenza sul territorio anche grazie al medico chirurgo Francesco Quadri, che nel 1512 è nominato rettore dell’ospedale cittadino. Intorno al 1840 la tela del Luini viene venduta da Fra’ Tommaso Mornatti da Casalzuigno, guardiano del convento che sarà soppresso di lì a poco e, passando di mano in mano a diversi collezionisti e antiquari, giunge infine per donazione alla Saint Bartholomews Church di Orford, una chiesa fuori dai circuiti tradizionali, nelle campagne inglesi, nel 1950. La tela completa la mostra Il Rinascimento nelle terre ticinesi 2, che si interroga sulle forme di conservazione e di dispersione del patrimonio artistico ticinese di epoca e stile rinascimentale, con il temporaneo rientro di numerose opere che hanno lasciato queste terre. In Santa Maria degli Angeli a Lugano si trovava pure un trittico di Calisto Piazza oggi diviso tra più proprietà e per la prima volta, dopo secoli, riunito. E’ anch’esso in queste settimane a Rancate, esposto insieme alla pala di Luini, con l’allestimento di Mario Botta, e a molte altre opere che hanno lasciato le sedi per cui erano state realizzate per trovare definitivo asilo nel Landesmuseum di Zurigo o per entrare in collezioni pubbliche e private: vetrate, sculture in legno, marmi, dipinti, tutti alla Pinacoteca Züst fino al 17 febbraio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.