Università dell’Insubria, 32 nuovi laureati on line

Chiostro di Sant'Abbondio università dell'Insubria di Como

Prime lauree completamente online ieri all’Università dell’Insubria. Trentadue studenti e 16 professori si sono collegati in sedute virtuali, ciascuno da casa propria (nella foto).
I candidati hanno discusso le loro tesi dalla scrivania o dal tavolo del salotto, dialogando con la commissione via web e sono poi stati proclamati dottori a gruppi di tre per volta. I neo laureati hanno ricevuto dai professori un applauso virtuale ma carico di significati. In totale sono 656 le lauree a distanza in programma tra Varese e Como fino al primo aprile: la consegna delle pergamene è rimandata per tutti i nuovi dottori al Graduation day che sarà organizzato non appena possibile.
«Voglio applaudire anch’io i nostri nuovi laureati – ha commentato il rettore Angelo Tagliabue – Sono fiero di come docenti e studenti abbiano saputo rispondere all’emergenza con nuove modalità di didattica e lauree, con il supporto dei servizi informatici dell’ateneo che stanno coordinando una rete estesa e perfettamente funzionante. Ora dobbiamo cominciare a guardare avanti e lavorare insieme per un nuovo futuro, alla luce delle criticità ma anche delle risorse che il Coronavirus ha evidenziato».
E a Barbara Pozzo, direttrice del Dipartimento di Diritto economia e culture, tocca il compito di spiegare alcuni aspetti pratici e giuridici della laurea a distanza. «La validità è garantita dal fatto che la seduta è pubblica, in quanto alcuni studenti assistono da remoto alla discussione del candidato, mentre quando la commissione valuta vengono disconnessi tutti gli studenti per rispettare la segretezza e la riservatezza del momento».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.