Università dell’Insubria, nominati i nuovi vertici

Le elezioni – Comasco il prorettore Giuseppe Colangelo, già ordinario del dipartimento di Diritto, Economia e Culture. Altissima l’affluenza al voto
Alberto Coen Porisini, un altro varesino, subentra quale rettore a Renzo Dionigi, in carica per 14 anni
Per la prima volta dalla sua fondazione, l’Università dell’Insubria cambia rettore. Dal primo novembre, le redini dell’ateneo comasco e varesino passeranno nelle mani del professor Alberto Coen Porisini, ordinario presso la facoltà di Scienze a Varese.
Dopo il regno di Renzo Dionigi, durato ininterrottamente per 14 anni, il rettorato resta quindi nelle mani di un docente varesino. È invece comasco, così come nel precedente mandato, il prorettore, che si occuperà della sede
lariana. Si tratta di Giuseppe Colangelo, ordinario del dipartimento di Diritto, Economia e Culture. Subentra a Giorgio Conetti. La coppia Coen Porisini – Colangelo ha vinto la scorsa settimana le elezioni al secondo turno, superando di soli tre voti la soglia della maggioranza assoluta e conquistando 250 preferenze. Sconfitta di misura – solo 52 voti di differenza – per l’economista Matteo Rocca che si presentava in coppia con il preside di Scienze della sede di Como, Stefano Serra Capizzano.
Al terzo posto Anna Maria Arcari, con 39 voti in totale. Un’elezione, quella dell’Insubria, molto partecipata. Al secondo turno ha infatti votato l’88% dei docenti e l’86% del personale. Ancora più alta l’affluenza degli studenti: ben il 94% dei ragazzi si è presentato ai seggi per decide il successore di Dionigi. Il nuovo rettore, nato a Torino nel 1961, dal 2006 è preside della facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali di Varese. È inoltre coordinatore della Commissione risorse e membro del Senato accademico, del Comitato tecnico scientifico del Centro servizi Sic (Servizi Informatici e Comunicazione), della Commissione edilizia di Ateneo, del Comitato di indirizzo strategico previsto dall’accordo quadro tra Regione Lombardia e Sistema universitario lombardo.
È inoltre stato responsabile scientifico di diversi progetti di ricerca a livello europeo e nazionale. Nel suo curriculum, una Laurea in Ingegneria elettronica conseguita al Politecnico di Milano nel 1987 e un dottorato di ricerca in ingegneria dell’informazione sempre al Politecnico di Milano.
Le prime dichiarazioni, rilasciate a caldo nei giorni scorsi, hanno visto il rettore convinto nell’evidenziare come «le priorità per l’Insubria dovranno essere il passare dal modello di piccola università a un modello organizzativo diverso, più ampio» così come fondamentale sarà «il potenziamento dei servizi per gli studenti».

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Il neoeletto rettore dell’Insubria, Alberto Coen Porisini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.