Un’Olimpiade con tanta amarezza: il racconto di Errigo

Errigo bronzo Tokyo 2021

Arianna Errigo, medaglia di bronzo nel fioretto a squadre, affida i pensieri ai suoi profili social, facendo il punto della sua avventura a Tokyo. «Ho dovuto affrontare in poco tempo un’ombra gigante, e ne sono uscita anche grazie al sostegno delle mie compagne» ha scritto la Errigo, cresciuta nella Comense prima di trasferirsi al Frascati Scherma, al centro dell’attenzione in questi giorni anche per una critica della ex compagna di squadra Elisa Di Francisca.
«Questa Olimpiade mi ha lasciato tanta amarezza – si sfoga la Errigo – la gara individuale di fioretto, la medaglia di bronzo nella gara a squadre, dove l’obiettivo rimaneva sicuramente la medaglia d’oro, e poi la nostalgia per quella di sciabola la cui qualificazione mi è stata negata. Perché per me Tokyo prima di tutto sarebbe stato questo: era questo il sogno da realizzare».
«È stata una trasferta dura perché ho messo tutta me stessa, sbagliando, ma provandoci fino alla fine – continua la schermitrice – Solo una competizione così importante riesce a smuoverti qualcosa dentro. Sono emozioni che non sentivo più da molti anni, avevo paura di non avere più quel fuoco dentro e sono veramente contenta che ancora la fiamma dentro di me non si sia spenta. Ancor di più mi ha sorpreso in questa Olimpiade, che, a causa della pandemia, è stata sicuramente la più anomala a cui io abbia mai partecipato».
«Nonostante tutto, nonostante tutti, grazie Tokyo» conclude l’atleta (terza da sinistra nella foto, con la medaglia di bronzo della squadra di fioretto).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.