Un’opera attesa per quasi 20 anni. Ai tempi fu premiata per l’alta tecnologia

La storia – Dal progetto all’apertura
Inaugurata il 16 settembre 1983, la galleria di Cernobbio era, allora, «la più lunga sinora realizzata nella nostra provincia, che permette di aggirare comodamente il paese in un tunnel di 2.400 metri», come riportato nelle cronache di allora dal periodico “Economia Lariana”. L’apertura al traffico di quella che è stata definita «un’opera storica», era stata tutt’altro che semplice e lineare. La storia si ripete, verrebbe da dire rileggendo oggi il cronoprogramma di una galleria
attesa per quasi vent’anni. Il primo progetto infatti, commissionato dal Comune di Cernobbio all’ingegner Mario Bernasconi, era stato completato nel 1966. Prima che il sogno diventasse realtà sarebbero dovuti trascorrere 17 anni.
Appena nata, la galleria si era già meritata un importante riconoscimento. «È un’opera storica frutto dell’impegno di molte persone che vi hanno lavorato con tenacia per diversi anni – scriveva ancora Economia Lariana – adoperandosi sia per la messa a punto della parte progettuale e dei finanziamenti necessari che per la esecuzione pratica e tecnologica dei lavori. In quest’ultimo aspetto, la galleria di Cernobbio ha conquistato il primo Premio alla rassegna Eurotunnel di Basilea». Il primo progetto, tornando alla cronaca, era stato bocciato dalla Soprintendenza. Nel 1974 era stato presentata dunque una seconda ipotesi di intervento, studiata dall’ingegner Emilio Corbini. L’opera era stata poi appaltata all’impresa Paride Cariboni di Como, base d’asta 1,6 miliardi delle vecchie lire. Ma il tracciato definitivo venne approvato solo nel gennaio 1980 e assegnato alla stessa impresa Cariboni per una somma totale a base d’asta lievitata a 2,2 miliardi di lire.

Anna Campaniello

Nella foto:
Il taglio del nastro per l’inaugurazione della galleria di Cernobbio, nel 1983

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.