Uomo ucciso a Tacoma disse ‘non respiro

E' quanto emergerebbe dalle comunicazioni tra agenti e centrale

(ANSA) – WASHINGTON, 6 GIU – Manuel Ellis, l’afroamericano che il 3 marzo ha perso la vita a Tacoma, nello stato di Washington, mentre veniva arrestato dalla polizia, avrebbe implorato prima di morire ‘I can’t breath’, non posso respirare. La stessa frase pronunciata da George Floyd e divenuta uno slogan simbolo della protesta. E’quanto emerge dalle comunicazioni via radio tra gli agenti e la centrale pubblicate dal sito Broadcastify. Prima di quella frase si sentirebbe anche uno dei poliziotti dire a un collega di usare sull’uomo una tecnica di stretta con le gambe.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.