Vaccinazioni, da lunedì al via le prenotazioni dei cinquantenni

Vaccinazioni

Lunedì 10 maggio saranno aperte le prenotazioni della vaccinazione anti Covid a tutte le persone dai 50 ai 59 anni. L’appuntamento si fissa sempre online attraverso il portale www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it, oppure tramite gli sportelli Postamat, anche se non si è clienti, rivolgendosi al portalettere oppure ancora telefonando al numero verde 800 894545. Rimane garantita la possibilità di prenotare anche per chiunque appartenga alle altre categorie per le quali la campagna è già stata avviata.
Cambiano anche le tempistiche per le seconde dosi del vaccino di Pfizer e Moderna.
L’Asst Lariana, che coordina la campagna sul territorio lariano, ha confermato che a partire da lunedì, chiunque effettuerà l’iniezione con questi farmaci si vedrà fissare l’appuntamento per il richiamo non più dopo 21 o 28 giorni ma nella sesta settimana, tra 35 e 42 giorni dopo la prima dose. Il cambiamento è stato stabilito per tutta Italia da un’indicazione del ministero della Salute.
Restano validi tutti gli appuntamenti già fissati. «Nulla cambia – sottolineano dall’Asst Lariana – per chiunque ha già effettuato la prima dose con questi farmaci e ha già l’appuntamento per la seconda dose, che verrà somministrata senza cambiamenti di data in base a quanto già stabilito».
Le regole per l’utilizzo dei farmaci disponibili non cambiano. Non è possibile scegliere quale vaccino ricevere. I medici vaccinatori, al momento dell’iniezione, in base all’anamnesi e alle indicazioni del ministero della Salute stabiliscono quale sia il farmaco opportuno. Come ribadito dal direttore generale dell’Asst Lariana, «tutti i vaccini sono sicuri e validati dagli organismi competenti». Ad oggi nei centri vaccinali lariani non si sono verificate gravi reazioni avverse dopo la somministrazione.
Ieri, l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti ha fatto un bilancio sulla campagna. «Per rimanere in zona gialla e compiere ulteriori passi avanti è importante aderire alla campagna vaccinale – ha detto – Le risposte dai singoli territori sono più che buone. In questo fine settimana toccheremo quota 4 milioni di somministrazioni». Intervenendo, poi, sulla richiesta di avere ulteriori dosi AstraZeneca, qualora altre Regioni le rifiutassero, la vicepresidente ha chiarito: «Credo sia ragionevole che il Commissario Figliuolo venga incontro alla richiesta delle Regioni che rispettano i target assegnati a livello nazionale. E la Lombardia li ha anche superati».
Sulle vaccinazioni in azienda «stiamo lavorando a un protocollo che stabilirà le modalità con cui procedere – ha concluso – secondo le indicazioni che già ci sono state date dal Governo. Aspettiamo di sapere dal Commissario quando partire. Abbiamo già l’adesione di ben 24 sigle di Associazioni datoriali. Dunque crediamo che, quando ci verrà data la possibilità, partiremo molto rapidamente».
Villa Erba intanto, uno tra i più splendidi gioielli architettonici del Lago di Como, diventa simbolo di «rinascita convertendosi temporaneamente in hub vaccinale» all’interno di un video della Regione accompagnato dall’hashtag #piusiamoprimavinciamo. Il video è stato postato sulla pagina Facebook dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. «Ritroviamo la giusta prospettiva sul futuro – scrive Fontana – Più siamo prima vinciamo con la bellezza». Il fascino e la storia di Villa Erba vengono ricordati poi dal presidente della società di gestione, Filippo Arcioni. «Qui cultura e bellezza si fondono in un palcoscenico straordinario, un segno di speranza per la nostra ripartenza», dice Arcioni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.