Vaccini a insegnanti e forze dell’ordine: via alle convocazioni per le seconde dosi

Vaccinazioni

Per scuola e forze dell’ordine è il momento delle seconde dosi a Como. La nuova fase della campagna vaccinale partirà tra venerdì e martedì prossimo nelle strutture che fanno capo all’Asst Lariana. Per queste categorie il vaccino utilizzato, come già per la prima dose, sarà AstraZeneca.
Venerdì 21, nella caserma della guardia di finanza di Rebbio scatteranno i richiami per gli operatori delle forze dell’ordine. Carabinieri, finanzieri, agenti della polizia di Stato, della penitenziaria e delle polizie locali e vigili del fuoco si ripresenteranno all’hub per la seconda dose. Unica eccezione le persone che sono guarite dal Covid, per le quali è prevista una sola dose e che hanno dunque già ricevuto il certificato vaccinale.
La scuola
Martedì prossimo, 25 maggio, in via Napoleona, nell’area dell’ex ospedale Sant’Anna via alle seconde dosi anche per docenti e operatori della scuola. Tutte le persone che avevano ricevuto la prima iniezione nel poliambulatorio di via Napoleona hanno già l’appuntamento fissato per il richiamo, a partire appunto dalla prossima settimana.
Insegnanti e personale scolastico che sono stati vaccinati negli altri ospedali che hanno collaborato alla campagna, a partire da Valduce e Villa Aprica, dovrebbero invece ricevere un messaggio sms con l’appuntamento per la seconda dose.
Le indicazioni del ministero della Salute prevedono l’utilizzo per la seconda dose dello stesso farmaco già ricevuto alla prima iniezione.
Nuove sedi dal 15 agosto
Vista la conferma della scadenza del contratto con Villa Erba il 15 agosto, Asst Lariana ha provveduto a predisporre una nuova proposta, indicando due nuove sedi, che è stata trasmessa ad Ats Insubria e all’Unità di crisi regionale. Si tratta del padiglione Negretti nell’area del Poliambulatorio di via Napoleona, dove potranno essere allestite fino a 18 linee, e del primo piano della palazzina centrale in via Castelnuovo (ex San Martino), che potrà ospitare fino a 6 linee, pari alle 24 totali di Villa Erba.
«Preso atto della posizione di Villa Erba, abbiamo identificato e proposto due nuove sedi alternative. Tale soluzione sottoporrà Asst Lariana a uno sforzo organizzativo importante, risolvendo tuttavia le problematicità correlate» ha sottolineato il direttore generale di Asst Lariana, Fabio Banfi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.