Vaccini, arriva AstraZeneca, ma il piano ancora non c’è

Consegna vaccini a Como

Sono stati scaricati ieri sera i primi vaccini AstraZeneca al Sant’Anna di via Ravona, pur con un piccolo giallo sull’orario di arrivo. E da oggi parte l’attesa fase 1 Bis della campagna vaccinale, ma del maxipiano Bertolaso, per vaccinare tutti i lombardi entro fine giugno, neanche l’ombra. Proseguono invece le ormai quotidiane polemiche tra Regione e Ministero della Salute sulla responsabilità dei ritardi. Iniziamo proprio da qui.
«Trovo incredibile che il ministero della Salute abbia deciso di bloccare la valutazione, prevista per oggi (ieri per chi legge ndr) da parte del Cts, del piano vaccinale di massa della Lombardia», tuona il presidente, Attilio Fontana. «Il piano – prosegue il governatore – era stato inviato ieri, da me e dalla vicepresidente Moratti, come contributo lombardo a best practice da proporre anche a livello nazionale. Il piano vaccinale, coordinato da Guido Bertolaso, si propone infatti di vaccinare 10 milioni di italiani residenti in Lombardia, un sesto della popolazione nazionale. Riteniamo – conclude Fontana – che il piano vaccinale sia una priorità e che non debba sottostare a logiche di parte».

Pur senza piano, Asst Lariana ha avviato la nuova fase della campagna, mentre domani si chiuderà la consegna delle prime dosi alle prime 56 Rsa del territorio.
Le vaccinazioni alle nuove categorie coinvolte vengono somministrate da oggi. I destinatari sono: il personale di residenze psichiatriche, neuropsichiatriche e per disabili; chi si occupa di assistenza domiciliare, dei centri diurni, i farmacisti, i dentisti, la sanità militare e i medici liberi professionisti. L’invito a presentarsi al Sant’Anna viene fatto dall’Asst Lariana, in base agli elenchi ufficiali di Asst e Ats Insubria. Per quanto riguarda gli ospiti delle strutture residenziali, saranno vaccinati direttamente all’interno della struttura dove risiedono.

«Asst Lariana, attraverso la direzione socio-sanitaria, ha trasmesso un questionario alle strutture interessate per capire se siano in grado di procedere autonomamente o se si renda necessario prevedere altre soluzioni e se la struttura sia dotata di frigorifero con monitoraggio della temperatura. È tuttora in corso di valutazione la gestione della parte relativa alla rendicontazione della vaccinazione (l’inserimento dei dati relativi alla persona che è stata vaccinata)», spiegano in una nota dall’Asst.
Così, come avvenuto per le Rsa, le strutture riceveranno le dosi di vaccino che andranno poi preparate per la somministrazione. In parallelo, come anticipato, proseguono le iniezioni delle seconde dosi negli ospedali e nelle Rsa. Ieri sono arrivati intanto, in via Ravona, altri 4 vassoi di vaccino Pfizer-Biontech (4.680 dosi) e le prime 2.400 dosi di vaccino AstraZeneca. Un piccolo giallo ha riguardato l’arrivo di queste ultime dosi, con Poste Italiane che, alle 15, ha annunciato in una nota la consegna «in queste ore» delle dosi con il corriere di Poste Italiane, SDA, mentre alla Farmacia ospedaliera di via Ravona ancora non era arrivato nulla.

Giallo risolto in prima serata, con l’approdo di un furgone dotato di cella frigorifera. Per somministrare queste 2.400 dosi si devono ancora stilare gli elenchi delle persone da contattare (tra i 18 e i 55 anni) come indicato dalla commissione tecnico-scientifica dell’Aifa. Il rapporto beneficio-rischio del vaccino risulta comunque favorevole anche nei soggetti di età più avanzata che non presentino specifici fattori di rischio.
Ad oggi, su 29.300 dosi totali consegnate ad Asst Lariana, ne sono già state somministrate 23.885; 13.429 come prime dosi (6.749 per il personale di Asst Lariana, 4.775 per le Rsa, 1.905 per i privati sanitari accreditati) e 10.456 come seconde dosi (6.500 per il personale di Asst Lariana, 2.220 per le Rsa, 1.736 per i privati sanitari accreditati).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.