Vaccini, falle nelle prenotazioni: le minoranze attaccano la Regione

Bandiera Regione Lombardia

Sarebbe stato proprio un «baco» nel software, come scrive il “Corriere della Sera” a creare una serie di disservizi nella prenotazione dei vaccini agli ultraottantenni lombardi.
Appuntamenti prima confermati e poi annullati, a distanza di poche ore, convocazioni dal mattino al primo pomeriggio inviate unicamente attraverso un sms. Problemi causati dal portale regionale di Aria spa, che era nato proprio per raccogliere le adesioni al vaccino anti-Covid e per comunicare con i cittadini. Regione Lombardia è già corsa ai ripari, visto che per la fase di vaccinazione di massa si affiderà a un sistema diverso, che Poste Italiane ha messo a disposizione gratuitamente.
Falle e inciampi nella gestione del contenimento del virus a oltre un anno dalla scoperta dei primi casi alimentano la tensione politica a Palazzo Lombardia.
«Prenotare sul sito di Regione Lombardia è un caos, ma purtroppo questo non è un elemento che sorprende – sottolinea Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd – La Lombardia è indietro su tutti gli aspetti del piano vaccinale, compresa la sua organizzazione: le persone sono messe a dura a prova e la tensione sociale continua a salire».
Orsenigo parla poi di anziani costretti a vivere «appesi al telefono in attesa di un sms beffa che potrebbe arrivare, con messaggi tutt’altro che chiari e rassicuranti. Sappiamo di ultraottantenni costretti a passare ore in auto per ricevere la somministrazione del vaccino, perché vicino a casa non riescono ad avere un appuntamento. Familiari di pazienti fragili e non vaccinabili che non risultano inclusi nel piano, contro ogni raccomandazione medica. Regione Lombardia ha continuamente tagliato i fondi al sistema sanitario, queste ne sono le conseguenze», conclude.
«Dalla giunta Fontana un altro colpo all’efficienza di Regione Lombardia – sottolinea Raffaele Erba, consigliere dei Cinquestelle – Il sistema era già stato criticato perché non ritenuto pratico per i nostri anziani. Ora si rivela anche fallimentare nella sua funzionalità. Per chi non lo sapesse, Aria Spa ha acquisito tempo fa Lombardia Informatica, apparato regionale che non brillava per eccellenza. Acquisizione che di fatto non ha razionalizzato o reso più efficiente la struttura», dice.
«Qualche disservizio era probabilmente da mettere in conto – commenta il presidente del consiglio regionale, Alessandro Fermi – L’importante è che si sia corsi subito ai ripari. Spiace naturalmente per chi ha dovuto subire ritardi e cancellazioni, per gli anziani e le loro famiglie, ma grazie al grande lavoro soprattutto di Asst Lariana so che la situazione è stata sempre tamponata. Credo che l’importante sia che ora i meccanismi siano stati affinati, soprattutto per quando inizierà, spero il prima possibile e penso ad aprile, la campagna di massa», conclude Fermi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.