Vaccini obbligatori, primi casi lariani. A Fino Mornasco 7 bambini sono stati rifiutati dall’asilo

La vaccinazione a un bambino

Vaccini obbligatori, il giorno dopo la scadenza per presentare i certificati vaccinali, anche sul Lario emergono i primi casi di bambini rimasti fuori da scuola perchè non in regola.
E, contemporaneamente, affiorano anche le difficoltà dei dirigenti scolastici nell’applicare le misure previste. Sono gli alunni dei nidi e delle materne a essere coinvolti dal provvedimento. I dirigenti scolastici infatti, secondo il decreto legge Lorenzin, sono obbligati ad allontanare dagli asili i bambini da 0 e 6 anni che non sono in regola, mentre dai 6 ai 16 anni, nessuno può impedire la frequenza scolastica. La legge prevede però una multa per le famiglie fino a 500 euro.
Soltanto per fare un esempio, all’Istituto Comprensivo di Fino Mornasco (che racchiude tre asili), 7 bambini attualmente non possono frequentare la scuola dell’infanzia. La preside, Raffaella Piatti, ha firmato i decreti di allontanamento. Il documento è stato preceduto da una telefonata della dirigente che ha voluto confrontarsi personalmente con le famiglie.
Casi come quello registrato a Fino Mornasco si stanno verificando anche in altre realtà, compresa la città di Como. Di pari passo si stanno registrando i primi problemi per i dirigenti scolastici alle prese con gli adempimenti burocratici, le comunicazioni degli elenchi delle vaccinazioni e di conseguenza degli studenti non coperti all’Ats Insubria, e le domande delle famiglie.
«Sul fronte nidi i dati definitivi li avremo domani (oggi ndr) ma la copertura dovrebbe essere pressochè totale, nei giorni scorsi c’era soltanto un bambino che doveva adeguarsi ma aveva già la prenotazione», ha detto l’assessore di Palazzo Cernezzi, Angela Corengia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.